non produrremo più niente: non in Francia

giuseppe armenia POST-PELLIZZA_s

Non abbiamo nessuna rivendicazione. Nulla. Non ci aspettiamo niente da voi. Fate quello che volete.
Ma state attenti: non produrremo più niente, quanto meno non in Francia. Non creeremo più imprese, non scriveremo più musica e non pubblicheremo più libri.
Non avrete più nulla da tassare, non un centesimo. Dovrete trovare un altra soluzione. Senza di noi.
Noi smetteremo di sfruttarvi, di vendervi dei prodotti, che apparentemente non desiderate.
Se volete un lavoro per poter riempire la vostra dispensa, chiedete allo Stato.
Se volete un tetto sotto il quale dormire, chiedete allo Stato.
Se volete dei vestiti per proteggervi dal freddo, chiedete allo Stato.
Dopo tutto non è questo che volete?
Noi smetteremo di guadagnare soldi. Noi vi lasciamo i vostri euro.
Prendeteveli tutti, fino all’ultimo e assicuratevi di non averne dimenticati.
Quando avrete fame, i nostri ristoranti saranno chiusi, potrete mangiarvi i vostri euro.
Quando i tetti crolleranno, potrete ripararvi sotto i vostri euro.
Quando i vostri figli si ammaleranno, date loro qualche euro.
Finalmente potrete vivere in un mondo che avete tanto sognato.
Un mondo senza di noi, senza sfruttatori, senza marketing, senza mercato, senza capitalismo, senza libertà.
Potrete infine sperimentare voi stessi le conseguenze logiche della vostra morale.
Potrete infine decrescere e sacrificarvi, voi e i vostri figli, per un ideale più nobile che la rincorsa del vostro benessere materiale.
Ma tutto ciò sarà senza di noi. Non ci saremo più a pagare le vostre fatture.
Ci accontenteremo di rimanere lì ad osservare il crollo del vostro mondo. Non faremo nulla.
E non preoccupatevi per noi.
Noi non abbiamo bisogno di voi.

*Scritta dagli industriali francesi ad Hollande

Disegno: di Giuseppe Armenia. Il 4° Stato (di Pellizza da Volpedo) se ne va, non ha bisogno di voi.

Buy Spain! And don’t sell Italy.

Let’s continue on yesterday’s line of reasoning against fear on Grexit yes or no.

In Alphaville’s Long Room interaction space, this is the most popular post now:

Go long Europe risk

Posted by NothingButValue on May 15 22:14.

European stocks are trading at extremely attractive historical valuations.  Assuming you’re an investor with a longer time horizon (say 5-10 years) and you can ignore continued volatility, Europe is now a strong buy.  Let’s take three large markets:

  1. Italy: the market capitalization of equities/GDP (one of Buffett’s favorite metrics for the US equity market) is roughly 22%.  Recent (last 10-15 years) normalized average is around 40%.  That’s 85% upside.  This measure in Italy has bottom roughly at 15% historically.  So you’ve got 31% downside.  That’s 2.8 upside/downside, a great risk/reward.
  2. France: mktcap/GDP of 45% vs. average of 77%, for 42% upside.  Historical downside is 17%.
  3. Spain: mktcap/GDP of 33% vs. average of 83%, for 155% upside.  Historical downside is 14%.  Spain is clearly priced for a depression.  When the unemployment rate in a country gets close to 25% (i.e. Great Depression levels), pretty much everything bad is already known.

Sure, everything can get worse for a while.  Europe may even break up.  That won’t reduce the long term fundamental earning power of the companies making up these indexes, be that in euros, marks, or liras.  They will adjust, and rebound.  At these valuations, a huge amount of bad news is already priced in.

So, while upside/downside are around 2.5 in Italy and France, it’s worth 11 in Spain. BUY SPAIN is a safe suggestion. Besides keeping in mind the Sovereign Crisis rule no-1: for some time in the past and the near future, in general shares are safer and increasing value more than bonds. But Spain shares do it better!

Published in: on May 17, 2012 at 9:49 am  Leave a Comment  
Tags: , , , , ,