jerry york in memoriam

Jerry York has died. In 2006 he wrote  the plan “General Motors at a Fork in the Road and a Possible Solution for a Robust Resurgence.”

“Mr. York remained a critic of the Detroit auto makers and their inability to change. He called on Ford to sell off its Mercury brand, and late last year gave Chrysler a 50% chance of long-term survival despite its tie-up with Fiat SpA.” (wsj in memoriam)


We reproduce from FORTUNE:

MotorWorld by Alex Taylor III

When Jerry York shook up GM

Alex Taylor starts by remembering when he last met York 18 months ago, talking about the then-General Motors’ CEO Rick Wagoner and lead director George Fisher.

… in York’s opinion — they had used corporate trickery to sabotage a deal that he had cooked up to push GM into the Renault-Nissan alliance. Wagoner and Fisher, York declared with vehemence, were “evil men.”

Now Jerry York has died at the age of 71 after suffering a massive cerebral hemorrhage. His career in the auto industry was mostly over, but while he was active, he was a skilled player of the inside game — and a very effective one at that.

His big moment came after [Kirk] Kerkorian bought 9.9% of GM’s stock in 2006 and York joined GM’s board. At the end of June, he launched a surprising initiative. He suggested that Renault, which had scored a big success turning around Nissan, acquire a 20% stake in GM and try to repeat the trick.

York had already obtained the cooperation of Renault-Nissan CEO Carlos Ghosn, who was as attracted to the challenge of rescuing GM as York and Kerkorian were to the potential payoff. According to one analysis, the tie-up might have produced as much as $10 billion in operating profits for GM.

MORE

Advertisements
Published in: on March 19, 2010 at 8:28 am  Leave a Comment  
Tags: , , , ,

uno sciopero contro lo sciopero della Ragione

oggi si sciopera e si va in piazza con CGIL e CUB:

per salvare l’Italia, per i nostri figli e nipoti

1229083417996_00deb6f0

EPIFANI: “IL CONTRIBUTO AGGUNTIVO DEL GOVERNO E’ STATO PARI A ZERO”

1 SETTTIMANA PRIMA DELLO SCIOPERO, CALPESTATI I DIRITTI COSTITUZIONALI ALLA ALENIA DI NOLA –  l’azienda fascista  non fa entrare il sindacalista che doveva parlare all’assemblea; una inammissibile violazione dei diritti universali.

An English speaking post in socialistbiopedia, on today’s strike:

Italy in general strike against M Tremonti’s kafkian procyclical plan

Nostra esclusiva (certo non la troverete su nessun altro media o social media): i vigili colgono sul fatto alcuni dipendenti Fininvest che gettavano secchiate d’acqua in Tevere a Ponte Milvio, per togliere la prima pagina alla CGIL. Allo stesso scopo, uno di loro si imprigiona ai lucchetti di Mocci, pronto anche ad immolarsi per il suo datore di lavoro, all’arrivo dell’onda delle 3 am di sabato. Il Papa esprime viva preoccupazione per il generalizzarsi del fondamentalismo suicida persino a 2 passi dalla Santa Sede.

ahogigggiellecubbbe

BREAKING NEWS

COMUNICATO CGIL

Sciopero generale

Cgil, un milione e mezzo in piazza

Duecentomila solo a Bologna. Panini: “Risultato di grande rilievo”

Un milione e mezzo di persone. In tanti sono scesi in piazza oggi (12 dicembre) per lo sciopero generale della Cgil. Una giornata di mobilitazione per chiedere ‘Più lavoro, più salario, più pensioni, più diritti’ e per contrastare le scelte inadeguate messe in campo dal governo per affrontare la crisi economica. Il risultato, comunica l’ufficio stampa di Corso Italia, è stato raggiunto sommando il dato di partecipazione di tutte le 108 piazze del paese in cui si sono svolte le manifestazioni.

L’epicentro della protesta è stato Bologna dove, all’imponente manifestazione regionale, ad ascoltare il comizio del segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, in Piazza Maggiore erano in 200 mila, mentre a Milano con la segretaria confederale Morena Piccinini erano in 80 mila. A Venezia, la segretaria confederale della Cgil, Susanna Camusso, ha parlato davanti a 50 mila persone

foto Eikon. La Repubblica, ed. Bologna

6gelmini-bruneta-mascareta

Ci informa Fiorenzo Fasoli. A MESTRE (manif. regionale) sotto una pioggia impietosa, ininterrotta  (governo ladro per davvero) FORSE 50.ooo. I 2 cortei sono cosi nutriti che non riescono   procedere ed alla fine devono sciogliersi per andare al raduno. Piazza Ferretto  piena piena, chi ne conosce la capienza può valutare. Sfila, per lealtà organizzativa,  solo la base CGIL e CUB, ma in alcuni settori scioperano molti altri. La Camusso (possibile erede di Epifani alla guida nazionale) nel suo discorso attacca duramente il governo MA NON Confindustria (ciò potrebbe confermare l’ipotesi che sviluppiamo in questo post). Ovviamente, pieno spirito unitario tra sindacati (frattura sanabile?).

1) IL PAKI HA FINALMENTE, dopo l’ultimo viaggio di Gondoleeza ed  il blitz -arresto del Chief Commander  militare,  ARRESTATO la notte del 10 dicembre anche SAEED, IL  FONDATORE E PADRE-PADRONE  della banda LeT, la creatura anti-indiana dell’ISI (s. segreti paki) che ha pianificato e compiuto l’assalto a Mumbai (noi  l’abbiamo detto  ad assalto ancora in corso, CON NOMI, COGNOMI E SAPEVAMO PURE GLI INDIRIZZI, ma a molti fa comodo tergiversare).

ft (click Saeed’s picture for the link) concludes:

Some diplomats judge Pakistan to have badly mishandled its response. Islamabad first denied that Pakistanis were involved in the Mumbai attacks and then tried to avoid responsibility by blaming non-state actors. One diplomat said tensions would escalate rapidly if Pakistan only made “revolving door arrests”, whereby terror suspects were briefly and lightly held.

COMMENTO. E’  un timido passo avanti che al momento riduce la Prob di un conflitto nucleare India-Paki (come scommettitori su intrade.com proponiamo questo future), anche se la situazione paki-afghana resta del tutto fuori controllo: come spiega  il corrispondente atimes.com Saleem  Shahzad (un tipo leggendario alla Sheherazad, che va per le montagne ad intervistare e … FOTOGRAFARE capi talebani), e’ nata per fusione calda una  nuova generazione di New Talebans. In breve: da quando tutti i guerriglieri infiltrati dall’ISI  nel Kashmir indiano hanno ricevuto uno stop, tornate a casa (per le pressioni US sul gen. Musharraf),  questi si sono ricongunti ai Qaedisti nel NW “tribale”, cosi l’ISI ha ceduto ad al Qaeda l’egemonia dei movimenti a suo tempo da lei creati, sia gli Old Talebans che i Jihadisti infiltrati in Kashmir. Questi  s’irradiano nelle vicinanze e nel mondo, e non c’e’  niente da scherzare.

L’INDIA E’ VICINA.

Le distinzioni degli analisti tra Jihadisti e Qaedisti (lette, sentite 100 volte dopo Mumbai 11\26) da alcuni anni non valgono più in  Paki-Afghan-istan: visto che si spacciano per analisti, si leggano l’ultima pagina di ottobre di Le Monde diplomatique – by  Syed Saleem Shahzad.


DETROIT E ANCORA PIU’ VICINO: il modello per il vehicles bail, che Europa e Giappone dovevano imitare sino a ieri,  e’ morto nela cuna (culla). Ora George W Bush ossia Paulsson valuta se stornare  fondi dai $0.7 tr della finanza – cui si era sempre opposto.

2) THE US SENATE HAS JUST REJECTED THE DETROIT BAIL.

-5.5% Tokyo close (drowned by car titles).

The final bargaining between Senate GOP and TUS was about wage reductions, and failed.

Now, GM AND CHRYSLER WILL GO BANKRUPT  in 2 weeks time. Unluckily for everybody, namely workers and their families, the only feasible  road – AN ASSISTED,  CONTRACTED AND PREPARED CH.11, i.e. BANKRUPTCY – has  not been undertaken.We supported the latter  since from the very start, see

https://enzofabioarcangeli.wordpress.com/2008/11/17/

Namely because we knew  very well the strong opposition of the US public opinion against the bail: the social media and the comments to posts gave no doubt. If the priority is redistribution, why concentrate Mean Street bails on Detroit? Of course, making the tiny unionised US working class precarious is no solution, except for social hawks – and the wage issues centrality tells what is at stake: using the GIRA (Global Industrial Reserve Army) and the subcrime recession in order to enslave the Western workers.

THIS IS AN IMPORTANT TURNING MOMENT FOR  GLOBAL STAGDEFLATION POLICIES (and without adequate policies it will be catastrophic): Obama’s New Deal is challenged before it sees the light. The risk is that the Tsunami takes off, and Obama will B cornered to work just for the MT and LT: sustain the mass psychology during a long depression, and continue galvanising young energies for  the America Renaissance … in the 2010s. A Europe without Germany has  no chance  to take the lead in Roubini’s innovative  -radical, and Left Keynesian strong redistributive policies: the only ones that matter when a stagdeflation storm is on.

Our modest opinion is that the Dream Team has made a big mistake: the supposedly radical Robert Reich (in the economic adviser team) had also suggested a reguated Ch.11 one month ago: why not pursue it? Now the time is running short …

3) corsera

DOMANI LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE

La Cgil sospende lo sciopero dei treni
Mezzi in funzione a Roma e Venezia

17:25 CRONACHE Lo sciopero generale indetto dalla Cgil subisce alcune deroghe a causa della pesante situazione legata al maltempo. Treni regolari in tutta Italia, settore aereo già esentato

4) l’unità e vari altri giornali – pdf da lavoce.info. TITO BOERI spiega. L’ufficio Bilancio della Camera ha rifatto i conti AL DECRETO  ANTICRISI di 3monti ed e’ risultato UN PIANO PROCRISI, PROCICLICO: infatti alza le tasse più del Delta spesa, con un avanzo netto di  € 390 milioni.

Ora, con le nozioni di macro che s’insegnano alle elementari (se le maestre sono laureate in Scienze della Formazione), si capisce che 3monti sta facendo deragliare IL TRENO DEL PAESE. Prima della fine del 2009 potremmo trovarci con: deflazione, disoccupazione e persino (nel caso peggiore, anni ’30) recessione a 2 cifre;  quasi nessun ammmortizzatore sociale. Partiranno i barconi in senso contrario, VERSO LA LIBIA.

Ecco perche’ non possiamo non dirci sciperanti con CGIL e CUB (sindacati unitari di base), per dirla con B. Croce

ENZITORIALE no.2 – cliccare per il volantino .pdf

enzito2_1_1

UN APPELLO ALLA RESPONSABILITA’ DI TUTTI.

L’ITALIA HA BISOGNO ORA (GENNAIO SAREBBE MOLTO TARDI)

a) DI UNA POLITCA DI STIMOLO FISCALE AI CONSUMI: 5 MILIARDI SONO NULLA, PER AVER EFFETTI PROPORZIONALI ALLA CRISI OCCORRE SALIRE OLTRE 100. CHE LO STIMOLO FISCALE AI CONSUMI SIA OGGI L’UNICO ACCELERATORE DA PREMERE, LO SANNO GLI ASINI MA TREMONTI NO. VEDERE FRANCESCO GIAVAZZI NEI SUOI ULTIMI 2 EDITORIALI CORSERA

b) DI UNA IMMEDIATA COPERTURA CIG TOTALE A TUTTI I PRECARI, NESSUNO ESCLUSO, PRIMO PASSO VERSO UN SALARIO SOCIALE MINIMO: PER NOI E’ GUSTIZIA SOCIALE MINIMA ED UNITA’ DI CLASSE; MA GIAVAZZI CI RICORDA CHE QUESTI SAREBBERO SOLDI SPESI TUTTI; NO RISPARMI, EFFETTO MACRO GARANTITO

c) LA MARCEGAGLIA HA CAPITO LA GRAVITA’ DELLA SITUAZIONE, coi bollettini di guerra dalle aziende e la prospettiva dietro l’angolo  – se non si invertono i meccanismi moltiplicativi\accelerativi – di una deflazione galoppante ed una recessione (STAG-DEFLAZIONE) entrambe a 2 cifre nel 2009:

d) UNA INDUSTRIA ITALIANA ABBANDONATA DA TREMONTI, SOSTENUTA SOLO DA BERLINO E BRUXELLES SAREBBE COME LA JUVE PASSATA D’UFFICIO IN SERIE B. PER QUESTO  da  settimane Confindustria  HA  APERTO UNA LINEA DI DIALOGO CON LA CGIL, con appelli precisi a “tornare al tavolo” per dar manforte contro  il deflazionista irresponsabile Tremonti.

Rispondiamo con Verdi: RITORNA VINCITOR!

Uno sciopero forte, con manifestazioni massicce sono l’ultima partita, quella decisiva per tenere  l’Italia in serie A, in cui ci si gioca tutto.

Se domani riprende la melina, sarà serie B per 10 anni.

Sempre sperando che dal  vento di  Obama, con il lavoro di tutti si  riesca a rallentare SUBITO, poi infine ad arrestare e  rovescare la valanga-Tsunami STAG – DEFLAZIONE (rge-monitor), sennò  QUI RITORNA LA FAME. E, COME PREDISSE ROUBINI A DAVOS, un’Italia vaso di coccio potrebbe anche. alla fine,  scivolare fuori dall’€. Come retrocedere ai campetti di parrocchia.

Per finire, osserviamo non sia ancora finito del tutto (spera di tornare?) IL SOLITO FASCISMO ai cancelli delle fabbriche, che ha continuato per decenni e decenni, ININTERROTTAMENTE ad essere imposto col ricatto, mentre là fuori la società evolveva (IL CLASSICO IN TEMA SONO I DIARI DALLA FABBRICA DI SIMONE WEIL, ma basta parlare all’osteria con un operaio non più giovane, per apprendere la BIOPOLITICA DI FABBRICA), e sequestra i diritti di cittadinanza quando uno timbra il cartellino. VERGOGNA!  ALLA GOGNA I VERTICI DELL’ALENIA  DI NOLA.

Napoli, 5 dicembre

“E’ inaccettabile e provocatorio l’atteggiamento dei vertici dell’Alenia di Nola che hanno impedito al Segretario generale della Fiom Cgil di Napoli di effettuare l’assemblea promossa dalla Cgil in preparazione dello sciopero generale del 12 dicembre”.
E’ quanto sottolinea, in una nota, il Segretario generale della Cdlm di Napoli Giuseppe Errico.
“L’assemblea – precisa Errico – doveva essere supportata da una serie di slides per illustrare meglio i motivi  della mobilitazione. Il loro contenuto era stato preventivamente  comunicato all’azienda. Nonostante cio’ e’  stato impedito al Segretario della Fiom di entrare in fabbrica e svolgere l’assemblea. Il confronto con i lavoratori – conclude Errico – si e’ comunque svolto all’esterno della fabbrica”

NASTRO ROSSO SUL WEB,

nelle blogosfere italiane.

Festeggiamo la nascita oggi di un nuovo sito degli economisti italiani di sinistra, già da noi linkato nel blogroll della colonna di destra: www.economiaepolitica.it e’ un progetto politico-culturale ambizioso, coordinato da Realfonzo e tenuto a battesimo sia da Ferrero che Bersani (2  ministri  del pasato governo), con alcune  ipotesi di fondo interessanti – no.1 cambiare target sul DEBITO PUBBLICO (noi non siamo proprio d’accordo ma occorre discutere, e persino un keynesiano di centro come Paul Samuelson dice, su il sole 24 ore del 5 novembre, che con la crisi epica che ci casca addosso, si gettano a mare le ortodossie e regole del cacchio, si bada a portar fuori la gente dal Titanic). Utile la presentazione che ne fa “il riformista”, chiarendone lo scenario di THINK TANK per ricucire varie anime sparse della sinistra, per capire gli errori e ripartire:

nasce economiaepolitica.it

Cezziunale, ma veramente: nu scuuup

MAR-A:  MEGLIO DI MAR-X!

il diario di Mara 

081117_segretaria_markionne

DEEPRECESSION NON PERDE TEMPO, NON SCHERZA E FA LO SCOOP DELL’ANNO.

13 pp. ESCLUSIVE, ESILARANTI, (D)ISTRUTTIVE e scoppiettanti:

solo per i nostri lettori.

AGGIORNAMENTO A MERCOLEDI 19.

BREAKING NEWS. Un nuovo  stopper rende la difesa della Juve un fortino.

Dal giornale radio 24 delle 11 am, mercoledi 19 novembre: MARCHIONNE SUPER-STOPPER SCENDE IN CAMPO CONTRO LA DETROIT LOBBY, ed avvisa pure i colleghi franco-tedeschi: niente scherzi da prete.

Ai margini di una conferenza a Torino, l’AD Fiat Marchionne ha detto: O AIUTI PER TUTTI; O PER NESSUNO. Non accetteremo un dislivello tra EU ed US; ed anche dentro l’EU, NO a protezioni nazionali diseguali.

 

1) L’OPINIONE PUBBLICA US  (di cui abbiamo un piccolo campione anche nell’appendice del diario di Mara, ma blog e media US non parlano d’altro da 1 settimana) e’ in larga maggioranza vivamente e ferocemente contraria al Detroit bail. Un op-ed del NYTimes arriva a dire: “Non sapevo che Detroit fosse una brutta parola”. Obama, nel suo stile Web 2.0 di governo dovrà tenerne conto altrimenti ci rimette le penne lui stesso, e’ una vera onda ANTI-DETROIT. Per questo non ha ancora detto cosa farà, ma ha delimitato il campo – probabilmente  tra un bail contrattato duramente, o persino (se ha le palle) la bancarotta contrattata, proposta dal suo consigliere informale Robert Reich, ex-segretario al Lavoro sotto Clinton. Se poi terrà conto anche degli equilibri internazionali nell’auto, questo sarà un test della sua (vecchia\nuova?) politica estera – e comunque ci  saranno altri stopper in campo, oltre all’ottimo Marchionne. ED IL GIOCO SARA’ DURO, senza nessun arbitro a fischiare.

2) IN ITALIA, in poche settimane  E’ DIVENTATO SENSO COMUNE E PRE-ALLARME NAZIONALE, la geniale intuizione di MARA (la segretaria ideale) e\o di Marchionne: se si fa il gioco sporco degli aiuti nazionali protezionistici, l’Italia fa vaso di coccio per il vincolo del debito, e lo spread dei BOT sui titoli di Stato tedeschi, salito a 120 punti per la prima volta dell’epoca € (sulla base di aspettative non-nulle di una bancarotta dello Stato italiano). Qui Tremonti deve scordarsi il Leghismo, ringraziare Ciampi e riciclarsi Europeista. Subito, sennò perde l’appoggio di Confindustria e per il governo son dolori. Il politologo de La Repubblica ha già detto che il Cavaliere si preoccupa strategicamente per la perdita di consenso che potrebbe avere in una lunga e dura recessione: certamente, ed almeno, per tutto il 2009. 

Noi, come sanno i nostri lettori, non possiamo sapere ancora se questa sarà solo una recessione durissima, o anche una deflazione (crollo di tutti i prezzi, oggi l’incubo di tutti gli operatori ed autorità) o addirittura una depressione (l’incubissimo anni ’30, o Giappone anni ’90). Altrimenti avremmo aggiornato il titolo del blog. Ma al momento attuale pensiamo (sulla base di una ipotesi alla Beniamin Graham – vedi Authers sul ft del  9 novembre – qui in particolare il grafico di Shiller, che da solo spiega di tutto e di più) che;

a) le Borse cederanno sostanzialmente (di qualche decina di  punti %) nei prossimi mesi, con dei brevi rally trappole micidiali come dopo il ’29 (nel senso che chi crede si sia già al rimbalzo, perde tutto)

b) non pensiamo che la ripresa della produzione nei paesi OECD avvenga già nel 2010 (e dell’occupazione nel 2011): nella forchetta ottimistica dei nostri scenari,  nel corso del 2010 le sole Borse rimbalzano, anticipando una fine crisi nel 2011.  

QUESTO IL GRAFICO CIT. DI ROBERT SHILLER; LO COMMENTEREMO PROSSIMAMENTE

p\e ratio depurato, S&P 1900-2008

In questo inizio settimana tutto procede come previsto dal Diario di domenica scorsa venuto in nostro possesso, che si conferma CLAMOROSAMENTE veridico se  non  addiritura veritiero.Il forte messaggio di Marchionne riportato in BREAKING NEWS, dimostra che la sua Segretaria gli legge nel pensiero.

Al momento il Senato US non ha votato nulla, Obama stesso (intervista CBS di sabato) non vuol firmare “cambiali in bianco” a Detroit; ieri Paulson si e’ detto contrario persino ai $25 bn di aiuti che pareva fosse la contropartita dell’Amm. Bush alle pressioni lobbiste del Senato e Congresso, per escludere qualsiasi accesso di Detroit ai $750 bn del TARP, riservati al credito.

ft,  mercoledi 19 novembre. A CARITA’ COL CAPPELLO IN MANO

FromWORLD11:38PM (di ieri)

Detroit’s executives go cap in hand for $25bn

As if to underline the fact that the financial crisis is shaping every corner of industry, the three top executives of what is still known as the Big Three companies of the US car industry appeared at the US Senate banking committee asking for a slice of the US’s $700bn  financial rescue package

Senators cool to pleas by big three carmakers

Detroit groups told to consider bankruptcy protection


MA TORNIAMO ALL’EVENTO-BLOG DI DOMENICA, origine di questo post.

Grazie a nostri laureati,  anonimi collaboratori, da oggi (domenica 16 novembre) in poi abbiamo accesso al diario personale (un blog privato, inaccessibile su web sinora) di Mara. No, non la Ministra carina dagli occhi sbarrati: di più, la scaltra e sveglia (ormai in odore di profezia)

segretaria personale di Marchionne.

TUTTA LA VERITA’ SUL SETTORE DELL’AUTO – TUTTI I RETROSCENA DEL SALVATAGGIO (BAIL? non si sa ancora, per fortuna Bush si oppone) DI DETROIT SU CUI E’ IN CORSO proprio in queste frenetiche  ore UNO SCONTRO FRONTALE DURISSIMO TRA CONGRESSO-SENATO DEM, ED AMMINISTRAZIONE BUSH.

Poi scenderà in campo B.Ob. a chiudere la partita con un rigore per evidente  fallo di credit crunch (che sarà confermato al ralenti). Ma rischia di arrivare a fine partita.

TUTTI I LINK AI MEDIA ED ALLA BLOGOSFERA, fornitici da Mara. Il tavolo da lavoro e l’agenda di Marchionne. Il più grande manager italiano all’opera … (dal buco della serratura? no, dagli occhiali di Mara).

Ma questo (senza  anticipare troppo, non abbiamo ancora letto lo script – anzi non c’e’, e’ un reality) solo alle prossime puntate della telenovela, anzi del reality:

il mondo visto dal Lingotto. Ossia:

 l’economia industriale ao vivocome un samba di Viridiana sulla spiaggia.

Disse l’amato Padre Pio alla sua groupie più fedele, quando lei si rese conto di  aver ricevuto una dritta che le evitò di essere violentata:  “Qualche volta, il Signore mi fa leggere nel Suo quaderno”.

Noi non siamo Santi ne’ Sciamani, abbiamo solo accesso per via di spionaggio al DIARIO DI MARA!

Detroit bail: yes or no?

Fumo negli occhi per l’industria dell’auto europea, che si troverebbe invasa da SUV invenduti di Detroit e sussidiati! In una delle più gravi crisi della storia dei Capitalismi, e’ guerra comerciale senza regole, a colpi bassi.  

LA GLOBALIZZAZIONE ATLANTICA E’ FINITA COL  SECONDO MILLENNIO, durando dal 1600 al 2000. Prima c’era quella centrata sull’Oceano Indiano (Arabi, Indiani e Cinesi), che durò il doppio: dal 600 al 1500. Prima che la globalizzazione rinasca, ovviamente nell’Oceano Indiano, ci vorrà qualche decennio (Wallerstein).

MA QUESTE SONO SOLO TEORIE e congetture, lasciano il tempo che trovano: prima di Marx leggete Mara, arguta e simpatica, ed imparate la vera e vitale  bio-economia divertendovi un casino! DA NON PERDERE:

i) A PAG. 5, ze best: gli stickies gialli di Mara

per la mattina di lunedi 17 novembre, Marchionne stamane minuto x minuto …

ii) la PERLA RARA di MARA,  a pag. 6:

l’indomita segretaria sabauda (vorremmo tutti saperne di piu’ di lei, ma già il suo diario dice molto) OSA SFIDARE OBAMA nel cuore stesso del suo territorio e del suo New Deal: visto che B.Ob. x Detroit  non ha ancora detto ‘bail’, Mara gli suggerisce di seguire il suo consigliere Robert Reich. Questi (vox clamans contro il populismo, sindacalismo non pragatico e neo-statalismo. MA ANCHE insospettabile Keynesiano e  progressista) propone un  “chapter 11” (bankruptcy) contrattato. Mara considera questo un “ottimo lodo” che bilancia opposti interessi (anche la Fiat a Torino e Belo Horizonte, tra i tanti).

Noi non avremmo mai osato tanto, ma Bob e Mara ci hanno convinto; con le sue arti ed argomenti lei avrà di certo già convinto ed attivato il suo Capo (nell’industria auto mondiale). Noi oggi stesso mandiamo una proposta argomentata in tal senso al sito apposito del President Elect,  change.gov

QUESTE SONO LE 2 PERLE, MA E’ TUTTO DA NON PERDERE!!! GOTO: 081117_segretaria_markionne