Emma, don Gianni, Giulio and Silvio

Mr Profumo’s  high risk profile is still there (un delirio di onnipotenza da manager-dinosauri del millennio passato: speriamo che la crisi ne spazzi via un bel po’ – a questo serve!).

Although, meanwhile, the Bretton Woods  institutions have spent some hundred billion $ to stop the  CEE domino & save Center – East CBs, the private ones and their Western owners (like  Unicredit). The tragi-comic is that, while they stick to XX Century ultra-neolib (bullshit, or Great Narration if u like it),  the ex-Socialist countries  have been saved only by …

Internationalist Financial Socialism: the 6th  Socialist International, more or less.

AHAHAH! I.e., the XXI Century form of a Communist “spectre of Marx” (Derrida).

They didn’t deserve all that, with our money, stability pursuing and hard work, the bastards: should have tasted the mud of what is pure capitalism at grapes-of-wrath times. Such idiots, still thought-prisoners of their slave socialist past (better IMF to pay shrinks to all of them: value for money), paranoic  ultra-“lib” (sorry to use such a nice name & HIGH thought tradition, Einaudi – Hayek etc.,  for their ideological credos denying even the existence\nature of a global REAL crisis,  and of course not begging pardon for a crazy management of their unsustainable fast growth):

CEE leaders  didn’t deserve a penny, for their thoughts.

But so goes globalisation – what make a difference from begga’ yo’ neibo’ (Keynes’ bestia nera) in the former GreatDep, is that there  is little room for it now, at GreatDep 2 times.

IMF comes to save  East Europe to save Mr Profumo, Italy’s  monster public debt and the € zone stability. By the way, LEX (below)  is right: private debt/GDP ratio is somehow half in Italy compared to the US. What he doesn’t say is that Italy’s sickness has a name: Tremontite.  Only  Italy spends 0 for fiscal stimuli (as if we were …Austrians, no Risorgimento!): Giulio had the courage and determination (I believe he likely ended his fast power career here, because of that) to choose to re-equilibrate what matters most to Berlin, Bruxelles, Frankfurt and London markets, i.e. the public debt/GDP ratio, at a very low GDP level, instead of pushing the GDP earlier, in 2007-2008, in order to allow now for more fiscal manoeuvre (less taxes  and\or  more infrastructures, what China, the US etc. are doing, to match the powerful monetary policies that have succesfully controlled, “un-powered” the stagdeflation cumulative spiral until now).

Yesterday Emma Marcegaglia, speaking in the name of all  the Italian entrepreneurs, expressed all their frank, growth-professional dissent from Tremontite  Malthusanism, but too much A BASSA VOCE to have any impact whatsoever: no blackmail, no electoral boycott (like: we’ll all vote Casini). There is another illness at work here, Berlusconite; Emma has not yet a full power on her  syndicated patrons, even if the Cavaliere consensus  has never been  so low among the Italian bourgeoisie & industrialists  – now beginning to call for a true right and centre-left, out of this stallmate depriving Italy of a guide at harsh times,  while FIAT goes to its worldwar and can manage with  its own  Foreign Affairs, but the small businessmen  ecologies? They are just lost & abandoned to themseleves – i.e. the  ones who were  the Cav. fans until now – but not any more: for elementary,  Darwin-Schumpeterian survival reasons. It’s a POLITCAL divide, from the unmanaged crisis about to decimate the SMEs.

There is an empty space, at the centre  of Italy’s political arena, for a new political force representative of the middle classes, the high bourgeoisie and repressed  high tech animal spirits!!! La DC? A new entry (Montezemolo)?

You measure here ALL the tragic,  historical failure of Berlusconi who WAS really, as he knew  (was told, by  don Gianni) and told,  l’Unto del Signore called for this middle cass re-assembling Mission. But  he miserably failed it: 100%, for a number of reasons. His era already belongs to the past; a mere cohincidence: the death of the great political teologist and teological political scientist, don Gianni (a sublime figure for his teaching and thought, widely appreciated by a transversal audience; and a nitzschean Superman indeed, in his  indomable adventurist impetus:  from “anti-Pope” Card. Siri, to Craxi and the Cavaliere). Unforgettable don  Gianni Baget Bozzo! Riposa in Pace.

LEX
Italy’s economy

Published: May 14 2009 09:17 | Last updated: May 14 2009 20:49

Italy is still sick. Its economy has suffered a series of recessions over the past decade. Yet its labour market remains inflexible and deeply uncompetitive; since 2000, Italian labour costs have risen by 45 per cent. Productivity has also stagnated, while rising annually on average by 1 per cent in the eurozone. As a result, Italian exports – from capital goods to shoes – have suffered particularly badly in this slump. Yet Italy also lacks many features of the credit boom that have ravaged other countries. While government debt is scarily high, at more than 100 per cent of output, household and corporate debt is low. Nor has there been much of a housing boom.

This halfway happy result is reflected in the relative good health of Italy’s two biggest banks, UniCredit and Intesa Sanpaolo. Neither has yet taken government money. Both are funded by large deposit bases. Both are among Europe’s most efficient lenders. And both are still reporting healthy profits. That, though, is where the similarities end. Almost 90 per cent of Intesa’s business is in Italy. UniCredit, by contrast, has sought to escape domestic economic stasis by taking more than half its business abroad. This aggressive foreign expansion, especially into central Europe, has lately taken Unicredit’s share price on a wild ride. (…)

And, from May 11 ft on Poland postponing euro entry –http://www.ft.com/cms/s/0/e4bf38a8-3e52-11de-9a6c-00144feabdc0.html – Marchionne / Profumo 6-0, 6-0, 6-0.

In one example of mixed signals, Fiat’s factory in southern Poland is churning out small cars for the west European market, and is not planning production cuts.

Advertisements

LAVORARE MENO, LAVORARE TUTTI

 

sacconi-maurizio

Maurizio già in posa papale.

Crozza:  sei omonimo, studia la sua gestualità

ONDA MERKEL (LAVORARE MENO, LAVORARE TUTTI) IN ITALIA: ACCORDO UNANIME. IN ITALIA PARE SI FARA’ CON ACCORDI AZIENDALI, ma con le risorse pubbliche della Cassa CIG  (anche la Merkel  “paga” lei il 5° giorno, sempre in ipotesi). 

Cosi si potrebbe contenere il milione di posti a rischio nell’industria (non si sa quanti nei servizi: 2  MILIONI? farebbe -1/7 dell’occupazione, quindi una settimana corta GENERALIZZATA  potrebbe riassorbire il calo di domanda di F-L), se  e solo se il governo sarà messo in corner, e costretto a fare A GENNAIO almeno un primo (di una lunga serie) STIMOLO FISCALE DI EMERGENZA (i soldi si trovano anche senza alzare il deficit: basta non fare come Tremonti in Finanziaria, che ha tagliato tutte le spese del 10%, senza dar caccia ne’ ad evasori  – OGGI  AD UN MAX STORICO – ne’ a sprechi). 

Noi pensiamo che con il cinico e digiuno di economia Tremonti al Tesoro, l’Italia sia fottuta: LA CRISI SARA’ TERRIBILE, UNA MACELLERIA SOCIALE, E DEGENERERA’ NEL SANGUE. L’abbiamo argomentato a josa. Ma i giochi sono aperti.

Con la  BOLLA SPECULATIVA “Merkel” scoppiata da 2 gg., e’ la prima volta che in Italia si prendono sul serio le politiche keynesiane, senza le quali l’Italia s’africanizza nella stag-deflazione.

Qualificano la loro adesione alla linea Merkel, lanciata in Italia da Sacconi ed il segr. CISL  Bonanni (Maurizio sorpassa con questa mossa rapida ed intelligente Brunetta, nei futures su chi sarà il prossimo Premier, rovinando all’improvviso mesi di paziente e duro lavoro di Renato):

– Epifani segr.  CGIL:

—- purche’  sia in un quadro di garanzie, che includa i precari. NB: i giovani precari sono 3 milioni in Italia, ossi ail 15% della forza lavoro, Da dati ISTAT eisulta che mezzo milione si siano precarizzati, sparendo del L regolare.

—- nessuna furbizia: non sia un alibi per non sostenere i consumi,

-Bombassei vice-P CONFINDUSTRIA:

—- dev’essere temporanea e  non può essere estesa a tutti (ndr: ma allora non funziona)

—-  accompagnata da altre misure (ossia la stessa condizione keynesiana di Epifani;  poi, come evidenziato dal nostro liveblogging di ieri, una loro richiesta specifica e’ la detassazione degli utili reinvestiti).

Con queste  importanti qualificazioni, tutto l’arco politico e sociale e’ d’accordo, OCCORRE PASSARE AI  FATTI. La Repubblica:  in un’azienda di Franciacorta, si fanno già 19 ore all’80% del salario.

Quanto alla corsa alla sua successione aperta ufficialmente ieri dal Cavaliere Minimo (trattato a pesci in faccia sul Presidenzialismo da TUTTI: OGGI E’ IL GIORNO DELLE UNANIMITA’ – pare la Svizzera), si può notare che se la giocano la pattuglia dei 3 ministri socialisti: il Cav. ha però parlato di giovani ministri escludendo Tremonti che gli fa ombra, ma farà presto una brutta fine – travolto dallo Tsunami Stag-deflazione. Restano i miei amici Maurizio e Renato, cresciuti nel PSI veneziano-trevigiano di Gianni De Michelis, ai miei tempi.

La Stampa

Settimana corta, l’apertura della Cgil

Epifani favorevole: «Ma no alle furbizie» Sacconi: distribuire su più persone il minore carico di lavoro

ROMA

Lavorare meno, lavorare tutti: la proposta della settimana corta e dei contratti di solidarietà lanciata dal ministro del Welfare incontra il favore di sindacati e imprese. Seppur con qualche distinguo e precisazione sulle modalità di applicazione degli strumenti di solidarietà indicati da Maurizio Sacconi, le parti si dichiarano disponibili a un confronto con il Governo su tutte le forme di tutela dell’occupazione in questa fase di crisi economica.

Il piano prevede la possibilità di andare in cassa integrazione per una parte della settimana e lavorare per la parte restante, secondo un principio di rotazione della Cig che consente di spalmare un minor carico di lavoro su più persone, a differenza di quella a zero ore e di quella ordinaria. Dal leader della Cgil, Guglielmo Epifani, arriva un sì a patto che settimana corta e contratti di solidarietà «siano inseriti in un quadro di tutele che evitino il distacco dei lavoratori dai posti di lavoro, non escludano i lavoratori precari e non costituiscano una furbizia per evitare al soggetto pubblico di investire tutte le risorse necessarie».

Al Carroccio applicano Marx, Veltroni no

LA LOTTA DI CLASSE NELLE COMUNITA’ PADANE NON SI FA ATTENDERE

Appena chiuse le urne, è già lotta di classe, di comunità e di potere senza quartiere nel cuore della Megalopoli Padana. Ne vedremo delle belle …

I FATTI

Torino, 18 aprile: nel suo ultimo discorso da Pres. Confindustria, trasmesso in diretta da Radio 24, Luca Lamb de Montezuma ci dà dentro, sfruttando cinicamente l’onda elettorale (ma lui che c’entra?). Visto che l’ex-socio Casini conta ‘na mazza e lui è disoccupato, si propone a Presidente del Carroccio al posto del malato Bossi. Per un NEW DEAL NEW CON: bastonare a sangue gli operai, visto che hanno appena appena chinato il capo, e nell’indotto Fiat a Torino crepano senza protestare tanto: primo sciogliere i sindacati (cantando, su note popolari: “E noi faremo come la Cina ….”).
I lavoratori non si riconoscono più in organizzazioni politiche e sociali incapaci. … I sindacati sono incapaci di dare risposte alle loro vere domande concrete. I lavoratori sono più vicini alle nostre posizioni che a quelle dei sindacati”. Ai margini della sala, aperti i banchetti per il tesseramento operaio a Confindustria. E se non andasse l’ottimo Cinese, ci sarebbero sempre gli US col 7% dei lavoratori privati sindacalizzati. Ma lo zittiscono subito i VERI padroni del vapore.

UN C0R0 ALL’UNISONO ANTI-M0NTEZUMA, oggi 19 aprile.
Tra tutti spicca la Voce del Nuovo Padrone: Roberto Calderoli parla da coordinatore delle Segr. Naz. Lega. Inatteso attacco: “ognuno faccia l’esame di coscienza” ed un passo indietro, poiché lo stato del paese “non consente alcun regolamento di conti o scontri senza prigionieri”. No allo scontro. La Lega si smarca dallo schiaffo ai sindacati (ormai è un partito operaio). Occorre “ricostruire 1 paese che la classe politica e i suoi sodali, sia sindacati che associazionismo [Montezuma in prima fila. NdR], hanno contribuito a distruggere”.

L’ANALISI DI DE(E)PRE(CE)SSION

Riprendendo il blogpost di ieri ANTI-CIALTRONI sulla Megalopoli padana, riscontriamo una attesa sintonia della nostra analisi di classe con quella della Lega, che si guarda bene dal pensare che la casse operaia si sia sciolta: e sennò chi glieli darebbe i voti? Al solito, l’unico che c’ha azzeccato – nel trend e struttura se non nei dati esatti, poi l’Arcobaleno s’è spento – è stato il bravissimo Ilvio Diamanti: tra i giovani 18-29enni, mancava il 10% dei voti dei giovani lavoratori al PD, rispetto agli studenti (sondaggio Demos e Pi, marzo; La Repubblica 080323, p.9: “Voto dei giovani, PdL e Lega avanti di 5 punti”).
Calderoli fa un passo in più: chiarisce che alla Lega hanno letto i Grundgrisse di Marx e l’interpretazione di Max, ossia la lettura neo-marxiana più sofisticata (la si fa anche dalle parti di Padova). La morsa della globalizzazione, della sua crisi e dell’€ forte, vorrebbe costringere nell’angolo il diffuso, dislarghi e distretti del Nord – indurli a fare un salto tecno-organizzativo, concorrere solo sul PlusValore Relativo e smetterla di estrarre dalle Comunità locali (incluso il loro 10% min di marocchini ed immigrati) PV assoluto = sfruttamento estensivo senza nuove macchine, nuovi prodotti e qualità del lavoro.
Ma questi hanno la pelle dura, sono capitani coraggiosi! Mica si lasciano mettere in corner così, e da chi poi, un Brambilla qualsiasi di Bangalore? La pancia molle della Megalopoli ha letto e capito al volo quel brano più famoso dei Grundgrisse, quello sulle “Forme” ed obietta finemente: noi abbiamo ancora delle comunità, che mica tutte le Megalopoli ce l’hanno, anzi! è il nostro plus. E perché non dovremmo (per far piacere a un “muso giallo”) continuare a farne fabbriche di plus-valore? E finché si munge l’assoluto, ci penserà qualcun altro a morire nell’iper-competizione high tech sul relativo: se la vedano a Silicon Valley e Dublino.
Di qui la torta in faccia a Montezuma: stiamo lavorado per la Padania e l’Italia, o ti fai da parte o ti facciamo vedere noi chi comanda. La Fiat risanata da Superman-Marchionne (gettonatissimo all’UBS) deve attraversare un annus (o biennio) terribilis? E tu prova a venire a chiederci ancora la solita elemosina di Stato. O righi dritto …
Il marxismo della Lega è talmente sofisticato, che può persino recuperare le intemperanze infantilistiche no-global del Ministro Tremonti, e stavolta farlo lavorare sul serio (basta cartolarizzazioni, portano sfiga), a difendere le comunità del plusvalore assoluto, nei mercati e nelle istituzioni globali.
All’inizio del Berlusconi-1 uno di noi aveva vaticinato ed azzeccato (firmandosi Pierino Sraffa su un giornale) che Berlusconi non era la Iron Lady e non avrebbe riformato nemmeno se stesso: fatto!
Ora prevediamo una sinergia co-evolutiva tra i nuovi padroni del Politico nazionale, padroni e padroncini del diffuso: a laurà! La riforma ci sarà, e sarà comunitaria.
Questo – almeno – dice la Political Economy, accompagnando l’analisi della Sci. Pol. che il Carroccio, oltre all’unico Partito rimasto (dopo che Occhetto ha sciolto frettolosamente il Pci), è un partito di comunità. E il governo potrebbe essere più BoBe che BeBo, bibì e bibò, ohibò! Ah beh, si beh … Governo anch’io! No, tu no.

Published in: on April 19, 2008 at 7:13 pm  Leave a Comment  
Tags: , , ,