Emma, don Gianni, Giulio and Silvio

Mr Profumo’s  high risk profile is still there (un delirio di onnipotenza da manager-dinosauri del millennio passato: speriamo che la crisi ne spazzi via un bel po’ – a questo serve!).

Although, meanwhile, the Bretton Woods  institutions have spent some hundred billion $ to stop the  CEE domino & save Center – East CBs, the private ones and their Western owners (like  Unicredit). The tragi-comic is that, while they stick to XX Century ultra-neolib (bullshit, or Great Narration if u like it),  the ex-Socialist countries  have been saved only by …

Internationalist Financial Socialism: the 6th  Socialist International, more or less.

AHAHAH! I.e., the XXI Century form of a Communist “spectre of Marx” (Derrida).

They didn’t deserve all that, with our money, stability pursuing and hard work, the bastards: should have tasted the mud of what is pure capitalism at grapes-of-wrath times. Such idiots, still thought-prisoners of their slave socialist past (better IMF to pay shrinks to all of them: value for money), paranoic  ultra-“lib” (sorry to use such a nice name & HIGH thought tradition, Einaudi – Hayek etc.,  for their ideological credos denying even the existence\nature of a global REAL crisis,  and of course not begging pardon for a crazy management of their unsustainable fast growth):

CEE leaders  didn’t deserve a penny, for their thoughts.

But so goes globalisation – what make a difference from begga’ yo’ neibo’ (Keynes’ bestia nera) in the former GreatDep, is that there  is little room for it now, at GreatDep 2 times.

IMF comes to save  East Europe to save Mr Profumo, Italy’s  monster public debt and the € zone stability. By the way, LEX (below)  is right: private debt/GDP ratio is somehow half in Italy compared to the US. What he doesn’t say is that Italy’s sickness has a name: Tremontite.  Only  Italy spends 0 for fiscal stimuli (as if we were …Austrians, no Risorgimento!): Giulio had the courage and determination (I believe he likely ended his fast power career here, because of that) to choose to re-equilibrate what matters most to Berlin, Bruxelles, Frankfurt and London markets, i.e. the public debt/GDP ratio, at a very low GDP level, instead of pushing the GDP earlier, in 2007-2008, in order to allow now for more fiscal manoeuvre (less taxes  and\or  more infrastructures, what China, the US etc. are doing, to match the powerful monetary policies that have succesfully controlled, “un-powered” the stagdeflation cumulative spiral until now).

Yesterday Emma Marcegaglia, speaking in the name of all  the Italian entrepreneurs, expressed all their frank, growth-professional dissent from Tremontite  Malthusanism, but too much A BASSA VOCE to have any impact whatsoever: no blackmail, no electoral boycott (like: we’ll all vote Casini). There is another illness at work here, Berlusconite; Emma has not yet a full power on her  syndicated patrons, even if the Cavaliere consensus  has never been  so low among the Italian bourgeoisie & industrialists  – now beginning to call for a true right and centre-left, out of this stallmate depriving Italy of a guide at harsh times,  while FIAT goes to its worldwar and can manage with  its own  Foreign Affairs, but the small businessmen  ecologies? They are just lost & abandoned to themseleves – i.e. the  ones who were  the Cav. fans until now – but not any more: for elementary,  Darwin-Schumpeterian survival reasons. It’s a POLITCAL divide, from the unmanaged crisis about to decimate the SMEs.

There is an empty space, at the centre  of Italy’s political arena, for a new political force representative of the middle classes, the high bourgeoisie and repressed  high tech animal spirits!!! La DC? A new entry (Montezemolo)?

You measure here ALL the tragic,  historical failure of Berlusconi who WAS really, as he knew  (was told, by  don Gianni) and told,  l’Unto del Signore called for this middle cass re-assembling Mission. But  he miserably failed it: 100%, for a number of reasons. His era already belongs to the past; a mere cohincidence: the death of the great political teologist and teological political scientist, don Gianni (a sublime figure for his teaching and thought, widely appreciated by a transversal audience; and a nitzschean Superman indeed, in his  indomable adventurist impetus:  from “anti-Pope” Card. Siri, to Craxi and the Cavaliere). Unforgettable don  Gianni Baget Bozzo! Riposa in Pace.

LEX
Italy’s economy

Published: May 14 2009 09:17 | Last updated: May 14 2009 20:49

Italy is still sick. Its economy has suffered a series of recessions over the past decade. Yet its labour market remains inflexible and deeply uncompetitive; since 2000, Italian labour costs have risen by 45 per cent. Productivity has also stagnated, while rising annually on average by 1 per cent in the eurozone. As a result, Italian exports – from capital goods to shoes – have suffered particularly badly in this slump. Yet Italy also lacks many features of the credit boom that have ravaged other countries. While government debt is scarily high, at more than 100 per cent of output, household and corporate debt is low. Nor has there been much of a housing boom.

This halfway happy result is reflected in the relative good health of Italy’s two biggest banks, UniCredit and Intesa Sanpaolo. Neither has yet taken government money. Both are funded by large deposit bases. Both are among Europe’s most efficient lenders. And both are still reporting healthy profits. That, though, is where the similarities end. Almost 90 per cent of Intesa’s business is in Italy. UniCredit, by contrast, has sought to escape domestic economic stasis by taking more than half its business abroad. This aggressive foreign expansion, especially into central Europe, has lately taken Unicredit’s share price on a wild ride. (…)

And, from May 11 ft on Poland postponing euro entry –http://www.ft.com/cms/s/0/e4bf38a8-3e52-11de-9a6c-00144feabdc0.html – Marchionne / Profumo 6-0, 6-0, 6-0.

In one example of mixed signals, Fiat’s factory in southern Poland is churning out small cars for the west European market, and is not planning production cuts.

Advertisements

rompiamo la schiena all’1/8 di Cav.: prendere bene la mira!

Si, prendere la mira perche’ il Cav. dimezzato ormai e’ ai sedicesimi, e non dura tutta la legislatura: va prima all’asintoto. Il 66,6 periodico dei consensi ha detto ieri da Praga:

“La CGIL ha chiesto 1 tavolo di trattative? Io glielo do sulla testa”.

E noi inseguiamolo come si faceva al suo socio e compagno di ladrerie Craxi.

STAVOLTA, ARMATI DI SEDIA:  + se ne sfasciano, meglio e’ per l’economia.

CAVALIERE 1/8 (UNICO DEL G20 a non aver otteuto 1 colloquio con l’abbronzato) A SEDIATE SULLA SCHIENA,  NOI DEL 33,3%. Prima rompere il cranio al servizio d’ordine, e poi giù mirando bene (i miopi restino a casa o si dedichino al supporto logistico: la filiera della sedia) perche’ 150 cm:8 fa meno di 2o cm,  na spanna.

Published in: on April 5, 2009 at 6:48 am  Leave a Comment  
Tags: , , , , , ,

Cavaliere live blogging

lunedi 22 dicembre LIVE BLOGGING
12.35 conferenza stampa Premier di fine anno

h 1.00 pm – A quest’ora arriva LA BARZELLETTA DELL’ANNO – da parte di 1 barzellettiere consumato, di mestiere. Quale terzizzato ad ⅓ da 3-monti e le 3 valli varesine leghiste? Scherziamo? Ha fatto TUTTO il Cav. quest’autunno, il GLOBAL K ha passat’a nuttata SOLO GRAZIE AL TEMPISMO E LE BUONE AMICIZIE dell’ ⅓ di Cavaliere rimasto. Non osiamo immaginare dove saremmo ora con un Cav. ancora intero, ma likely non nell’attuale implosione di tutti i mercati finanziari. (le Borse che si dimezzeranno una seconda volta nel 2009, dopo essere scese dal picco di 1 anno fa: di ⅓ a NY, ½ nel resto del mondo; vedi RED.0 – aggiungere link al nostro bollettino).

Ma saremmo, a Cavaliere Intero che sconfigge i Mulini a vento: in un mega-rally di borsa che sconta una ripresa,  alla vigilia dei nuovi 30 Glorieuses 2010-40, l’ondalunga bio-nano-green-ICT  forthcoming (peccato che menzioni a raffica, ripetutamente nelle prime battute della conferenza stampa:  “la solita sinistra ambientalista estremista”, ma allora la vuole la nuova tecnologia –  o no?):
“SONO STATO IL PRIMO PREMIER DI UN PAESE OCCIDENTALE AD INTERVENIRE NEI MERCATI, quando ho annunciato (x evitare le file agli sportelli ed il panico) che nessuna banca italiana falliva, lo garantiva lo Stato”.
Ha messo in sicurezza le banche lui per primo al mondo
, poi a fatica ha dovuto convincere (dice che e’ stata dura)  i grandi paesi europei (notabene – LUI HA CONVINTO GORDON BROWN…).
“Poi ho preso l’aereo sono andato a  Washington DC: Bush e Paulsson si sono decisi a stanziare $0.7  trilioni. Certo, se l’avessero fatto prima, e  non avessero fatto saltare Lehman Bros. ed altre due importanti banche, oggi non saremmo qui dove siamo.”
D – c’e’ 1 sottosegretario del governo inquisito e sospettato di essere IL referente del clan dei Casalesi
R – Quando abbiamo messo nelle liste persone imputate o addirittura già condannate, l’abbiamo fatto a ragion veduta – tenendo conto dell’uso della giustizia come arma di lotta politica. Abbiamo parlato con le persone e cercato di capire come stavano davvero le cose.
D (il Messaggero) – la povertà non  e’ più delle vecchie, ma nuove generazioni, un mare di precari senza protezione sociale; non state pensando ad: un unico sussidio di disoccupazione, ammortizzatori per tutti, prelevare risorse welfare dal sistema pensionistico?
R – Non toccheremo le pensioni. Continueremo ad aiutare i cittadini in situazioni disagiate.
D- Lei ha detto: persone imputate-condannate messe in lista perche’ c’era una persecuzione giudiziaria. Rif. giustizia?
R – Non posso dialogare con chi mi chiama Hitler ed il corruttore d’Italia, ma possono farlo in Commissione Parlamentare. Il PD che deve smetterla col giustizialismo ed abbraccio mortale di Pietro.
D – presidente, dove si vede tra 4 anni? Al Quirinale?
R – Abbiamo qui giovani Ministri brillanti, che fanno del loro meglio. Mi auguro che tra 4 anni vi sia chi possa fare il Premier al mio posto. (NB: lancia Brunetta contro Tremonti, per sparigliare le carte come sa fare da consumato player, ed uscire dallo stallo di cavaliere ad ⅓ del potere?)
D – Ci saranno, attenendoci alla stima moderata C.dustria (molti di più per i sindacati), 600.000 posti di L in meno nel 2009. Chi continua a spendere, gli evasori oggi a livello record secondo la GdF?
R – Bonus famiglie sino a € 1000, tetto basso sui mutui, carta-acquisti €40\mese, tutela risparmi nelle banche, blocco tariffe, da gennaio gas -15% x famiglie basso reddito, fondo 25 milioni € per credito a  famiglie con nuovi nati, agli statali a dicembre indenità di vacanza contrattuale 2oo8, blocco tariffe treni regionali. Facciamo nulla di meno degli altri paesi europei.
D- Referendum Guzzetta-Segni si avvicina (ndr- obbliga a fare 1 unica lista tra forze politche alleate per il governo, praticamente un bipartitismo obbligatorio per LEGGE – una cosa assurda: si voterà a primavera nella disattenzione dei media; in realtà l’annncio del referendum aveva in parte contribuito  a  stimolare la aggregazione di PD e PdL che l’ha bypassato, ma ormai il ref. e’ innescato).
R- Tecnicamente ci sarebbe ancora tempo per cambiare la legge elettorale per il Parlamento Europeo, ma non c’e’ accordo. Credevamo fosse condiviso a sinistra  RIFORMARE TALE LEGGE: un plafond (io 5%, LORO 4%). Quando presentato ddl, invece: scandalo, prevaricazione. Fare delle liste (dall’alto -ndr) vuol dire decidere chi va a Strasbourg; ci sono 23 commissioni, occorre almeno un esperto valido in ciascuna. Se ci affidiamo a libero gioco preferenze, ci troviamo con  5 esperti di giustizia, nessuno in un’altra  materia. Occorre difendere  l’interesse nazionale.

Senza plafond, piccoli partiti eleggono “rari nantes” che non influiscono in Europa. PdL rischia di essere il  1° gruppo parlamentare del PPE, e dettare la sua linea. Pensavamo di aver superato la vecchia politica: in una circoscrizione grande come quella EU, occorrono almeno €2 milioni di fondi per campagna elettorale, che i candidati non hanno. Al Parlamento italiano: escluse le liste estreme – nessuna necessità di cambiare la legge, ci penseremo a suo tempo.
D-  Sole 24 ore;  1) Al nostro giornale  arrivano molte segnalazioni di aziende che vivono il  credit crunch dal sistema bancario. Lei ha parlato di interventi delle Prefetture: che strumenti?  2) Aziende si aspettavamo qualcosa sul fronte fiscale,  speravano in un  rinnovo detassazione utili reinvestitti: non s’e’ vista. 3)  AMMORTIZZATORI: lei dice rafforzamento. Qui arriva la proposta Merkel: SETTIMANA LAVORATIVA RIDOTTA A 4 giorni, il 5° giorno lo paga lo Stato; Bonanni d’accordo, anche alcuni del suo partito.
R- SI, ma ad oggi anche in Germania e’ dichiarazione di intenzioni.Una delle proposte sul tavolo, ne discutiamo con i sindacati.
Credit crunch: e’ vero, ci sono state delle strette, quando ricevute notizie anch’ io ho tel. ai vertici delle banche e mi risulta abbiano cambiato posizione.
Detassazione utili: sul tavolo. per fortuna nel governo esiste la dialettica. Ci sono vincoli di bilancio  ed impegni che abbiamo assunto con l’Europa.  Alcuni minsitri spingono in questa direzione, stia tranquilla.
D-  caso Villari?
R- Ci impedisce rinnovo cariche CdA rai. In molti programmi rai si diffonde pessimismo.
D – Allargare G8 della Maddalena a paesi emergenti. R-  Il Premier corregge: potenze già emerse. Si, per i poveri del mondo avevamo già fatto un fondo G8 per l’Africa. Tra 20 anni  saremo 2 mliardi in più.
D- Sacconi avverte: forti ammortizzatori non invitino a licenziare la gente. Che fare x evitarlo?
R- Condivido le preoccupazioni Min. Sacconi. Stiamo pensando a qualche Autorità per concedere sussidi dis. alle aziende (NB: ZAR della CIG ed unemployment benefits)
D- Incontro di martedi scorso 16 dic. Tremonti  con min.-ombra Bersani ha portato a raddoppio interventi diosccupazione. Lei con VW non dialoga più? Riforme strutturali rimandate da crisi? Non ci sono  soldi per federalismo fiscale?
R- Nessuna proposta di riforma strutturale ci e’ giunta dalla sinistra.
D-  Lei ha sempre dato una interpretazione politica delle inchieste che l’hanno riguardato. Non le viene il sopetto su Tangentopoli Rossa: qualcuno vuol spingere il Pd su posizioni giustizialiste? Riforma intercettazioni e giustizia?
R- 2 cose essenziali: 1) Separazione degli ordini (ndr- intende delle carriere): per giusto processo, separare PM da giudicanti. Dev’essere coraggioso (ne ho parlato con molti avv.), un giudice che smentisce un PM assolvendo. 2) Ripristinare com’era fino al 1989: indagini alle forze dell’ordine, non sotto controllo PM.
ADR- Si, nuove elezioni a Napoli e Campania.

D-  Dal 2000 Lei in situazione unica, rapporto previlegiato sia con Bush che Putin. Ora Obama: lei disse di pref. Mc Cain in campagna elettorale. Manterrà rapporto di ferro con White Hose, o scivolerà verso Est?
R- Dissi sorridendo, a Pal. Madama,che avevo 1 solo motivo per preferirlo: Mc Cain nato 29 agosto anziche’ 29 sett., di 1 mese + vecchio di me. Subito in buoni rapporti con Obama, bene le prime tel. Spero con lui  di stabilire  lo stesso rapporto umano e di amicizia, come con GWB. Con Hillary e suo marito Bill Clinton, rapporti dal 1994 e mantenuti vivi sinora.
D – Legislatura costituente? Italia pronta per Presidenzialismo, elezione diretta Pres. Rep.?
R- Riforma costituzionale: SI. Tutti gli altri Premier europei hanno poteri tempestivi. Premier  in Italia avrebbe sulla carta solo il potere di fare l’odg del Consiglio. I  Ministri li nomina il Capo dello  Stato, ed il Premier non può dimissionarli. Capo Stato controfirma un ddl; dopo 60 gg. in Parlamento decade e  non e’ più rinnovabile. Democrazia bipolare dovrebbe darsi l’architettura costituzionale dei grandi paesi occidentali. Non ce ne occuperemo subito, con tutte le emergenze, ma mi auguro un vasto dibattito nel prosieguo della legislatura, per arrivare  a questo – spero congiuntamente con opposizione e forte corrente di opinione. Grazie, ed auguri a tutti.

Published in: on December 22, 2008 at 2:09 pm  Leave a Comment  
Tags: , , ,

Oh no, not again

Today’s FT leader

Published: June 26 2008 03:00 | Last updated: June 26 2008 03:00
Silvio Berlusconi has been in power in Italy for almost 50 days. Watching his new government in action is a bit like sitting down to view a bad old movie again. When the Forza Italia leader last ruled Italy from 2001 to 2006, he spent too much time legislating to protect himself from prosecution and too little reforming Italy’s sluggish economy. It is too early to make firm judgments, of course. But Mr Berlusconi’s latest essay in government already has the makings of another horror show. Once again, the 71-year old prime minister is spending much of his political energy legislating to protect himself from Italy’s public prosecutors. He wants to pass a law that would suspend for one year most court cases where the alleged crime carries a sentence of more than 10 years. If this law is passed, it would scupper a trial due to start next month in which Mr Berlusconi is charged with paying $600,000 to his British lawyer, David Mills. Needless to say, the opposition has dubbed the legislation the “save the premier law”. Mr Berlusconi does not stop here. He is also trying to introduce a law that would give immunity from prosecution to the top office holders in the Italian state, including himself. Such legislation would be unthinkable in most western states and was deemed unconstitutional by Italy’s supreme court when Mr Berlusconi last tried to introduce it in 2004