Buy Spain! And don’t sell Italy.

Let’s continue on yesterday’s line of reasoning against fear on Grexit yes or no.

In Alphaville’s Long Room interaction space, this is the most popular post now:

Go long Europe risk

Posted by NothingButValue on May 15 22:14.

European stocks are trading at extremely attractive historical valuations.  Assuming you’re an investor with a longer time horizon (say 5-10 years) and you can ignore continued volatility, Europe is now a strong buy.  Let’s take three large markets:

  1. Italy: the market capitalization of equities/GDP (one of Buffett’s favorite metrics for the US equity market) is roughly 22%.  Recent (last 10-15 years) normalized average is around 40%.  That’s 85% upside.  This measure in Italy has bottom roughly at 15% historically.  So you’ve got 31% downside.  That’s 2.8 upside/downside, a great risk/reward.
  2. France: mktcap/GDP of 45% vs. average of 77%, for 42% upside.  Historical downside is 17%.
  3. Spain: mktcap/GDP of 33% vs. average of 83%, for 155% upside.  Historical downside is 14%.  Spain is clearly priced for a depression.  When the unemployment rate in a country gets close to 25% (i.e. Great Depression levels), pretty much everything bad is already known.

Sure, everything can get worse for a while.  Europe may even break up.  That won’t reduce the long term fundamental earning power of the companies making up these indexes, be that in euros, marks, or liras.  They will adjust, and rebound.  At these valuations, a huge amount of bad news is already priced in.

So, while upside/downside are around 2.5 in Italy and France, it’s worth 11 in Spain. BUY SPAIN is a safe suggestion. Besides keeping in mind the Sovereign Crisis rule no-1: for some time in the past and the near future, in general shares are safer and increasing value more than bonds. But Spain shares do it better!

Advertisements
Published in: on May 17, 2012 at 9:49 am  Leave a Comment  
Tags: , , , , ,

Sofri, scherza co’ fanti e assa perda Marx!

Al solito, Adriano Sofri NON C’AZZECCA. E quando mai?

L’eterno giovine pochi anni fa riempì un paginone del quotidiano iper-borghesissimo La Repubblica su Merdao (qualcuno lo chiama Miao), riuscendo nell’Eroica di non citare i 40 milioni di morti ammazzati nel Grande Balzo. Si fottano, per la Causa! Ed era un dettagliato CV, excursus sul Grande Timoniere-verso-il-cimitero, solo glissava sul motivo principale (ma in buona compagnia, sin dal trucco dei “100 fiori” per individuare e criminalizzare tutte le persone pensanti dissidenti in nucesans le savoir) per cui Merdao è il criminale no.1 della Storia. Insuperabile; uno anche volesse, come li ammazza così 40 milioni di fame e stenti provocati ad arte?

Ma già l’eterno giovine quand’era giovine appena sfornato era Maomista, col kulo in pista. Anche lui, come SB ai suoi trucchi, ci tiene al suo tupé Miaoista.

Oggi l’eterno giovine ci riprova: torna alle origini della giovinezza originale.

L’Unità fa scrivere l’edito ad Alfredo Reichin (che gramscizza da demente, AS IF il blocco sociale teutonico – odiato sino a ieri nota Bordin stamane – fosse una cosa di sinistra, ed addirittura improbabilmente Gramscianahahah!), anziché a Lucrezia o Pietro: una scelta di Generazione!

Sul Foglio Adriano fa lo gnorri con Massimo Bordin (e la sua IMPAGABILE lettura dei giornali a R. Radicale). Il quale aveva correttamente obiettato ieri alla non-mercificazione dei koglioni PD (nella discussione sulla riforma del MdL che giunge 20 anni dopo quand’era urgente, con l’Itaglia ormai ingessata, irriformabile, alla frutta), che la FL merce è nozione marxiana.

L’eterno giovine irresponsabile NON SA, da giapponese nell’isola Maoista, che tutte e 2 le vie marxiste sono morte, la comunista a lui cara, e la socialdemocratica. Pertanto la FL è MERCE a tutti gli effetti e forse per secoli, vedremo. L’idiota ed incoerente Ggil infatti tratta prepensionamenti per intere fabbriche ed uffici, in blocco (svendite). E risolve monetizzando il 99% delle cause di licenziamento.

L’eterno giovine si guardi allo specchio non letterario-o-metaforico, ch’è invecchiato MALISSIMO. E si rilegga Il Capitale: come economista, il politico ribollito Carlo vive ancora. E lotta assieme a noi, per limare le cose che non vanno nei Capitalismi vecchi (i giovini godono ottima).

America, 1921. Dawn of a one century Empire

Henry Ford, Thomas Edison (reading a newspaper), Warren G Harding and Harvey Firestone

Published in: on February 13, 2012 at 1:34 am  Leave a Comment  
Tags: , , ,

€ break-up scenarios

Here’s a 50 pp document by Nomura (various authors), I got from the Long Room area of alphaville – ft. In an interesting Section: financial weapons of mass destruction:-)

nomura-breakup-collection

“Currency Risk in the Eurozone:

Accounting for break-up and redomination risk”

Published in: on January 6, 2012 at 6:50 pm  Leave a Comment  
Tags: , , , ,

Monty might save Germany

A paradox? A possible, reasonable forecast of a complex system derail?

ONLY MONTY CAN SAVE GERMANY!

THE € IS DEAD. Point is whether the likely Italy’s default would leave the € alive for how many days, well in advance of this competitive domino (Italy > France), Feldstein is talking about in the paper I refer to here. And, without the €-zone, a decline of Germany down from being the 2nd world economic power would start, as Oscar Giannino was arguing tonight at tg3 night, and eventually carry on (unless countervailing forces emerge, e.g. re-uniting Germany and Europe), until sorting out form the top 10 (Germany will rank after Turkey: with reverse migration?).
Italy might become a stronger industrial power than Germany: the revenge!

Therefore I’d re-phrase Feldstein on the ft: Only Monty can save Germany.

Martin Feldstein: Only Italy can save the euro
The euro currency may soon collapse even though there is no fundamental reason for it to fail. Everything depends on Italy, because financial markets now fear that it may be insolvent.

If the Italian government has to continue paying a seven or even eight per cent interest rate to finance its debt, the country’s total debt will grow faster than its annual output and therefore faster than its ability to service that debt.

If investors expect that to persist, they will stop lending to Italy. At that point, it will be forced to leave the euro. And if it does, the value of the “new lira” will reduce the price of Italian goods in general and Italian exports in particular. The resulting competitive pressure could then force France to leave the euro as well, bringing the monetary union to an end.

The euro currency may soon collapse even though there is no fundamental reason for …
Published in: on November 30, 2011 at 10:43 am  Leave a Comment  
Tags: , , , , , , ,

Who didn’t pay the Titanic ticket?

Greece and the Brazilian new-colony Portugal didn’t pay the ticket: so what?

Europe already sank

In http://ftalphaville.ft.com/blog/2011/11/23/760601/germany-the-only-first-class-passenger-on-the-titanic/, Neil Hume quotes RBS rate guru Harvinder Sian:

 

Is this the start of German credit erosion, the point at which Germany finds out that it is only the first class passenger on the Titanic? The media headlines in the next few days will point this way.

I essentially see much more market stress before Bunds are able to sustain a sell-off. More specifically:

1. Do not expect the ECB to capitulate on demands to ease the debt crisis as a lender of last resort any time soon. This should become obvious at the 9th December EU Summit. The pain threshold for the ECB and Germany is far higher and will likely involve concerns that some countries are about to pull out of the Euro, bank runs or both. Think blind panic and you are close to the picture that I have in mind. I see this as a necessary condition for some type of solution effort given the political failure to get ahead of the crisis.

2. Greece risks a hard default, mostly likely in Q1-12, as the PSI will fail to get enough private sector contribution and other EMU countries will be reluctant to pile in more cash. The default risk is likely to remain elevated into year end if the Greek ND leader Samaras does not fully back the IMF/EU deal.

3. The German view is hardening towards using conditional rescue entities for countries in need (EFSF/IMF) and Germany still looks fully behind the idea that countries with unsustainable debt can see haircuts. This is the logic of the ESM and this is a far cry from the debt mutualisation that is the current consensus. This is important in the German credit assessment.

4. From a flow-of-funds perspective, we expect to see a continuation of ex-EMU residents dump all debt, including Germany. The EMU region is however self-financing. Over 75% of debt issued in EMU stays in EMU and that number can and will get higher. As such, many of those exiting periphery and weaker AAAs will need some exposure to debt markets, with Germany still the de-facto location. Buying Treasuries (or Gilts) over Bunds makes sense as a trade; but not the macro data.

As such, my ongoing bullish Bund conviction rests on the idea that the market is too hopeful on a near term solution, is not prepared for hard default risks, and ignores the closed economy nature of the Euro region.

In sum, Europe and € are going to experience a near-death in 12s1, when Greece might go into an orderly-to-chaotic mess, while Monti’s Italy might find a last minute escape, eventually. The too late acceptance of QE by Germany in 2012, will sanction the €-centred phase 2 (after $ubcrime phase 1) of the 2007-about 2025 #GreatOECDepression.

Published in: on November 26, 2011 at 6:53 am  Leave a Comment  
Tags: , , , , , ,

Nouriel’s failure. He didn’t forecast King George I of Naples

de(e)pre(ce)ssion chronicles of the #GreatOECDepression

ENGLISH ABSTRACT. We had guessed in the early Summer that only Giorgio Napolitano, the Italian Republic President, that we have (even unconfessable) REASONS to call King George 1st, might bring Italian sovereign debt out of failure – where populisms were going. Now, it might be happening. Last train for Yuma.

BruttoPaese al Panettone? Forse si, forse no dice Nouriel. Che c’azzecchi? No: per un giorno Nouriel perse la coppa di DrDoom.

INCORONAZIONE DI RE GIORGIO I: 

ultimo treno perché l’Itaglia arrivi al suo 151°

Vi piaccia o no, è storia, e noi l’avevamo previsto quest’estate, a fine luglio. 

 

Quando invece l’Itaglia sembrava entrata nel gorgo infinito di una INEVITABILE paralisi politica, nelle bionde e more della fine dell’Era del poppe-populismo della monopolista Fininvest (con contrappunti barocco-duopolisti di Prodi e la mostruosa Rai); inoltre del nichilismo di una sinistra ormai talmente populistizzata nei suoi neuroni ed a selezione inversa del suo personale, da essere incapace di profferire una QUALSIASI alternativa praticabile, anche presa a caso, persino una palesemente errata o di corto respiro (come una Patrimoniale)  … e così via sino al balzo di ben 56 punti dello spread a 10 anni, ieri mercoledì 9 novembre (ma perché Barisoni ripeteva il mantra di un balzo di 100 punti? Gli s’era rotto il pallottoliere? Quando dalle 2pm Draghi era riuscito a ripredere il CTRL, e così oggi). 

RE GIORGIO I Savoia: da ieri sera ufficialmente re d’Itaglia.

Ha riscritto la Costituzione de facto in profondità, sin nella natura repubblicana del decrepito Stato, che rinasce Monarchia Fenice. Come nella teoria politica classica (da Machiavelli a Schmitt) e nella prassi, re Giorgio ha riconquistato la corona ai Savoia nella guerra e nel sangue.

Ha fermato la mano assassina dell’Idiota di Arcore, poche ore prima che uccidesse Itaglia. 

Nelle mani di re Giorgio, le punte dello spread diventano punte di spada per mozzare la testa agli avversari e tentare l’ultima via d’uscita. In chiusura della zona Cesarini. Questo Giorgio qui, si allea ai Draghi per sbalzar di sella Cavalieri assassini di donzelle prigioniere nelle Torri dei castelli in aria populisti (di varia ideologia) di Berlusconi Bersani Bossi Casini Di Pietro, il tragicomico storyteller Vendola ed il fellone Voltremont (ultimamente comunitarista no-global pur non avendo mai letto un libro dei fondatori del Comunitarismo).

La figura del Mona Integrale di oggi, va al comunque e sempre sopravvalutato allievo Bocconiano Roubini; che arriva a cose fatte, dicendo: le porte del Paradiso son chiuse (profezia sul PASSATO, cosa da bibbie maghi preti e Mr de Lapalisse). MONASSA, eran chiuse da anni e – ameno per l’Itaglia che però E’ IL test di Europa – si sono riaperte giusto ieri sera, mercoledì! Domani, quando ti svegli dovrai profetizzare à rebours l’esatto contrario, se le cose appena apena si mettono bene. Ed è improbabile vadano in peggio, a meno che non dovesse fallire pure Monti e con lui il Re.

In base alla teoria dei giochi, d’ora in poi dubiteremo di TUTTI i tuoi giudizi-paese a casaccio.

Nouriel Roubini: Why Italy’s days in the eurozone may be numbered

With interest rates on its sovereign debt surging well above seven per cent, there is a rising risk that Italy may soon lose market access. Given that it is too-big-to-fail but also too-big-to-save, this could lead to a forced restructuring of its public debt of €1,900bn.

That would partially address its “stock” problem of large and unsustainable debt but it would not resolve its “flow” problem, a large current account deficit, lack of external competitiveness and a worsening plunge in gross domestic product and economic activity.

http://link.ft.com/r/6NPSBB/5VWUZO/30E8J/5VAVSJ/B5I0BQ/D5/h?a1=2011&a2=11&a3=10

 

Nouriel  qui non dice stupidaggini, ma per 1 giorno perde la Coppa di Profeta di Sventura, Dr Doom. Dato il legame ormai ombelicale €-Italia, non può venirmi a ripetere le solite litanie proprio il GIORNO DOPO della mossa rivoluzionaria del ritorno dei Savoia in Italia. Allora vuol dire che non capisce proprio una minchia. E’ out: ha avuto il suo Minsky Moment di gloria nella primavera 2008, ora ha bisogno di una badante.

Ieri sera con la nomina REGALE di Monti sen. a vita, Napolitano (unico nelle istituzioni del BruttoPaese ad esser svelto, l’età non conta, persino più del bravo Renzi) macina spread per produrre farina di accelerazione  politica. SB (Berlusconi) ha dovuto starci alla mano di poker, sennò gli si sfaldava il PdL e restava coi soli ex-Fascistoni, quelli che … “mai al governo col PD”. PRESSING CONFALONIERI x il crollo ieri di M_set (investitori temerebbero vendetta politica? Mah! Chiedete a Nouriel per le divinazioni). 

Commenta Dago:

@_DAGOSPIA_ Dagospia

LA NEMESI DEL CONFLITTO D’’INTERESSI – MEDIASET CROLLA E IL BISCIONE INTIMA L’’ALT A SILVIO: GOVERNO TECNICO: … bit.ly/vkLxcx

Published in: on November 10, 2011 at 4:23 pm  Leave a Comment  
Tags: , , , , ,

GreenspanTremonti generated Great Depression

Finally a highly likely answer to the initial faq in this de(e)p-re(ce)ssion blog, since when it started 3 and 1\2 years ago: hard recession or long depression? The latter.

 

3 years after Lehman Bros. today

How it happened that we were thrown into the 2010s Great OECD Depression?

#GreatOECDepression

Chance and serendipity in history. Here is, in an Italian version, a brief about how the 3rd GD in the History of Capitalsms (the plural is MANDATORY!) was produced by a clever, furbo Alan Greenspan and such a beast as Giulio “Voltremont” 3monti.

From my yesterday’s  twitter hashtag, we’ll label the 2010s  as #GreatOECDepression, in order to focus upon its main novelty, the peculiar global duality.

DAL SUBPRIME AL CROLLO EST-EUROPEO ED AL DEBITO SOVRANO ATLANTICO. LE VIE DEL SIGNORE ALLA OECD GREAT DEPRESSION.

Il SUBCOMANDANTE subcrime mette sotto stress estremo, e talora  stravolge e rimette  in discussione DALLE LORO FONDAMENTA,  i Capitalismi post-Fordisti tarocchi di matrice Reagan – Greenspaniana (di striscio Clintoniana, se lui contava q.cosa).

Nonostante i sapienti trucchi di quest’ultimo, e la decisiva complementarietà col sotto-consumo BRICS,  sistemi insostenibili basicamente per erosione della figura e della esistenza bio-politica stessa de  ceti medi circa la maggioranza della popolazione, il borghese-massa (Mario TRONTI), e la sua capacità autonoma di C e S senza indebitarsi in modo perverso e\o progressivo.

Ciò avviene nella civilizzazione Nord Atlantica, diciamo per contesto sottoposta anche (ma assai più blandamente) ad una del tutto normale,  ENTROPICA e fisiologica erosione sociale secolare, dopo le onde di sviluppo lungo un 1\2 millennio, che trassero spunto anche dai rimescolamenti dell’ecologico Columbus Exchange (dal pomodoro alla Pizza Margherita)

Ma venamo a  noi ora:

Meccanismi di generaz. della #GreatOECDepression: 

1 0nda 1, subcrime 2007-10 (US UK Ic\reland Spain): da blocco inter-bancario luglio 2007 x demoltiplicatori-acc. e varie crisi simultanee, sino alla recessione globale differenziata 2009 e ripresa borse 2010 nell’aspettativa di un ciclo standard.

2 0nda est-europea 2, 2009-11  (CEE, Central East Eu.: crisi monet. e fin.) si riprende dopo decisivo IMF-bailout (altrimenti saltavano subito le esposte Austria, Italia ed Unicredit, Svezia con impatti successivi) e Hayekiane cure da cavallo (drastici tagli redditi, svalutazioni e strette fiscali).

3 0nda SovDebt 3, 2010-15? (contagio da PIIGS a €; il “compagno spread”) precipita riforma rimbalza. € al panettone, ma + difficile colomba 2012. 3 anni dopo l’0nda 1, funziona un po’ come 1931 su 1929: è Grande Depressione, ma stavolta NON GLOBALE. 0ECD.

4  #GreatOECDepression 2007 – 2020? Il riarmo tra i blocchi populisti contrapposti iniziò nel … (speriamo che ce la caviamo).


Q€: e la nave va, ma NON a gonfie vele

Bilancio del primo giorno UFFICIALE di caccia alle farfalle da parte delle Vispe Terese di Francoforte.

Per LEX il Quantitative €asing (Q€) è già un primo mattone di una qualche maggiore coesione se non fusione fiscale:

“As it is an interest-rate subsidy, it is also a cross-border transfer of wealth, the ECB’s equivalent of the EU’s regional development fund (set up in 1975). Hence this is a further small step towards a single fiscal eurozone.

There could be a bigger step yet to come. The ECB might have to issue its own bonds to sterilise the money it is printing to buy sovereign debt. Such bonds, true “euro-bonds”, might face legal obstacles. Politicians and voters could well object.”

E per Phastidio senza yield targeting (tipo: sopra il 5% compro tutto sul mercato) non si fa paura a nessuno; pertanto date le dimensioni in gioco,  per esser credibili occorrono gli eurobond proprio come dice Lex (qui le 2 analisi collimano):

“è inimmaginabile pensare che l’Eurotower compri titoli italiani nelle quantità necessarie a mantenere il rendimento compresso su livelli di sostenibilità (yield targeting), come vi avevamo già detto. E a dire il vero non lo ha fatto neppure per Grecia, Portogallo ed Irlanda, eppure era più semplice, visti i volumi in gioco. L’impressione è che la Bce abbia concordato con i governi francese e tedesco e con la Commissione europea una soluzione-ponte più pirotecnica che sostanziale, in attesa che l’EFSF venga dotato di risorse per l’autunno. Ma anche 1000 miliardi non servirebbero.”

Infatti, Roubini parlava oggi su La Repubblica di 2-3 volte gli attuali 0,4 trilioni in dotazione al nascituro EMF, oggi embrione efsf. Stavolta Nouriel è ottimista, come accade più spesso dello stereotipo: non 1 ma 2 trilioni sembrano una cifra minima più adeguata, sempre sull’ipotesi che intanto si arresti il domino sulla Francia, sennò potrebbe non bastare NESSUNA CIFRA.

Con 1 g. di ritardo leggo  via Sole 24 ore una stima NYT vicinissima alla mia: US$ 1.4 trilioni per il bailout italico ed altri 0.7 per l’iberico. Io ho detto la stessa cifra per l’aumento di dotazione. Infatti aggiungere alla dotazione efsf €1.6 tn. = US$ 2.28 tn.

Citazioni da:
1. LEX
http://www.ft.com/intl/cms/s/3/72ad8a62-c1ae-11e0-acb3-00144feabdc0.html#axzz1URmx51dk
2. PHASTIDIO.net
http://networkedblogs.com/lp0Ek
Che a sua volta cita: http://phastidio.net/2011/08/05/lora-dei-dilettanti/

Libitalia

LIBITALIA, le 2 Marie ed i 4 Marii

Iniziato venerdì, continua oggi lunedì 8 agosto il QE (Quantitative Easing) nella zona €: venerdì hanno comprato titoli pubblici le BC di Madrid e Via Nazionale. Oggi s’alza dalla panchina e scende in campo Francoforte (ECB). Funziona così il “governo tecnico” internazionale (che fa riferimento al Colle prima che a Pal. Chigi) di cui parlava DALLA PANCHINA il prossimo Primo Ministro italiano, Super-Mario Monti ieri nell’editoriale del Pompiere della Sera che in qualche modo ufficializzava e precisava la natura della sua accettazione dell’invito del Colle.

Stanotte borse in calo in Asia per la doppia elica di inviluppo e squilibrio:

A) Debiti Sovrani a varia insostenibilità negli ex-paesi ricchi, con focus della crisi ora spostatosi dai PIGS ai FIS, Francia, Italia e sempre la Spagna;

B) S&P cattivella e scapestrata: entra a gamba tesa nelle pre-Presidenziali degradando i Tea Party ad AA+ (anche Obama ha ovviamente le sue colpe).

Si sfoglia anche questa settimana la margherita: I MERCATI LO CACCIANO; NON LO CACCIANO. I mercati ci amano, non ci amano.
Fa confusione tra il SI e NO netto, l’equivoco “FORSE MI AMA”  di Casini ed alcuni leader europei, ma certo non della BCE\ECB. Gli appelli cerchiobottisti: fate prima la manovra. Come dire: FATE SCHIFO, MA ALMENO FATELO + IN FRETTA! Subito.
Tra gli altri, 3 dei 4  MARII, ossia il Gov. Draghi, +Mario Seminerio e http://www.mariobaldassarri.it/ (quest’ultimo, anche oggi su Il Giornale) chiariscono che TUTTO L’IMPIANTO DI QUESTA MANOVRA sia di puro stampo Voltremontiano. Nel segno di una sciagurata CONTINUITA’, la pseudo-Manovra mira a pareggiare i bilanci ad un PIL VIA VIA inferiore; degradando il paese, il suo morale, le sue infrastrutture, la sua capacità di esprimere idee, perseguirle, creare valore economico e relazionale. Spegnendo col vento della Reazione Gretta l’ultimo lumicino di speranza residua dei giovani: avremo la pensione a 70 anni e nessuno straccio di riforma dei mercati del lavoro.
E che dire del metodo di un Premier (si fa per dire) che delega le strategie di sistema al Min. Economia, tanto a lui non gliene può fregar di meno?
L’amico Guido Viale cita a modello di “sviluppo verde” il libro inglese Prosperità senza crescita. Qui siamo alla disperazione senza crescita. VERSO L’ABBRACCIO FINALE CON QADDAFI. Il Nuovo che avanza: la repubblica federalista libico-padana dalle Alpi al Sahara.

LIBITALIA

A meno che non si completi, meglio se entro Ferragosto massimo fine mese, la liquidazione del governo dopo questa emergenziale, provvisoria ed umiliante TUTORSHIP di Napolitano su SB,  Draghi sull’ingoiatore Guinness di rospi Voltremont.

Leggi anche:

– SuperMario ACCETTA una sua candidatura a Primo Ministro, tra queste righe. Mario Monti: governo italiano commissariato da “governo tecnico sovranazionale”. Evidenza palmare, ma non per tutti http://t.co/soxbdZS

 

– http://www.noisefromamerika.org/index.php/articoli/Il_default_non_era_nel_programma_ma_stiamo_lavorando_per_servirvelo