2 giugno di una Repubblica non riconciliata

ITALIA SOVVERTITA,

PATRIA FERITA

INTRODUZIONE 

Radio 3 Mondo ha coraggiosamente dedicato l’emissione di stamane 2 giugno, ai CADAVERI NELL’ARMADIO di una Repubblica che non può riconciliarsi, perchè non ha mai ricevuto uno straccio di verità (si, qualcosa nelle indagini e sentenze dei giudici che hanno sfidato il Potere):

– sulla sovversione rossa e nera, ambedue giocate e teleguidate dalle Grandi Potenze della guerra fredda, ”in quell’atroce penombra, dove dx e sin si confondono” (dall’ultima lettera di Pasolini allo stragista nero Franco Ventura).

– Su 4 tentativi di golpe (dal Piano Solo 1963\64 dei Carabinieri deviati, che fecero sfilare il 2 giugno  un nuovo reparto motorizzato golpista, all’8 dicembre 1970, quando le truppe di Junio Valerio Borghese erano già nei sotterranei di Roma, ma il machiavellico Andreotti [?] ordinò il marc’indrè) TUTTI ANDATI IN PORTO: hanno castrato la nostra democrazia.

– Sul fatto che la destra, sia eversiva che Almirantiana in doppiopetto, per 40 anni (1945-85) abbia coltivato violenza e sogni di rivincita contro la Repubblica antifascista. La stessa destra che oggi governa (sia pure con funzione di tappetino nero per BoBe), dopo aver fatto soltanto dei distinguo: pochi atti di discontinuità (unico: Fini in Israele, da cui i voti ebrei all’attuale sindaco capitolino).

Naturalmente, come diceva Il Poeta (PPP), i due zoppi si sorreggono a vicenda: le sinistre (che nome tetro!) devono sempre nascondersi dietro facce ex-DC o nuovismi improbabili e Kennediani. Perché non ha mai fatto, né l’Arcobaleno, né il PD i conti sino in fondo coi crimini sistemici e “necessari” dello  Stalinismo, ambiguismo Togliattiano e moralismo catto-comunista Berlingueriano. Ergo non può candidarsi al governo del Paese in prima persona: ad es. una candidatura vera come D’Alema, e giocarsela alla pari come forza socialdemocratica, con la neo-DC del Cavaliere. Da paese normale.

Ma che normalità è mai possibile: in un paese in cui Mafia presieduta da Andreotti, Mosca e Washington hanno indotto per decenni una quasi- guerra civile? Prima con MOSTRUOSE STRAGI DI STATO, per frenare la lotta operaia del 1969, e poi via via in un crescendo e diminuendo ad oggi ininterrotto, nelle strade di Gomorra e della Piana di Gioia Tauro? Nella realtà quotidiana, noi stiamo vivendo i 2 film di Cannes assieme, moltiplicati (Divo Julius  x Gomorra = Patria ammorbata di Gomorrea).

Il nostro, NON E’ UN PAESE PER GIOVANI.

Ispirata alla proposta più ragionevole e pacifista possibile, avanzata dai parenti delle vittime di Bologna Anna e Giancarlo Calidori, di una Commisisone Truth & Reconciliation per i Golpe e le stragi di Stato:

 

Italia sovvertita, patria ferita.

 

Italia rossoneramara

rossa incandescente

di sangue innocente, 

di bramate certezze avara.

Trame nere come la pece.

Mai ti piegò Viltà:

ma Desmond Tutu, nella Verità

qui riconciliazion non fece.

by efa

2 giugno 2008

Advertisements

The URI to TrackBack this entry is: https://enzofabioarcangeli.wordpress.com/2008/06/02/2-giugno-di-una-repubblica-non-riconciliata/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: