Tibet: Breaking News – GOOOD NEWS!

Heard now on the radio, a big success for: Olympics; peace; contractual, limited and peaceful self-determination. Also a tactical good point of the moderate Tibetans (even though got by using a violent revolt wild card), besides an intelligent move by Hu Jintao. HE IS READY TO DEAL WITH THE DALAI LAMA. The sincere part of Tibet solidarity fronts also won (not the monopolists media information bubble: now obliged to invent another story: any new bare first lady Carla Bruni? Pamela, no thanks: an old chicken).

BAD NEWS: Interpol informs Al Qaeda might attack the Olympics. In fact, 3 are the main pro-WW3 forces, and one is rooted in Middle East turmoils. This is the sad world without peace, we live in.

MORE: AN IN-DEPTH ANALYSIS UPDATED TODAY; THE HISTORICAL BACKGROUND, a bibliography  in our workinprogress TIBET page (an Arcapedia item in Italian, but with always enlarged English sections):

https://enzofabioarcangeli.wordpress.com/arcapedia-scienze-regionali/

Prof. Montessoro has just given an important, timely and useful comment on Italian Radio3, local 1.45 pm news, www.gr3.rai.it. In synthesis:

(a) this is both a Chinese Government tactical shift, and a strategic one at the same time (you know, communism, power’s art and strategies require some Machiavelli-Hegel dialectics), that is:

(b) on the one hand. Hu Jintao opens to the Dalai Lama because of the international pressure: he doesn’t want to lose his face from here to the Olympics, nor ruin and waste  the big party, ads, propaganda, etc.

(c) on the other hand, there is substance as well. The Chinese govt. (as we had already concluded, beforehand, in the analysis of our Arcapedia page “Tibet”, accessible here from the right column) is perfectly aware that he has to change some detalils (NOT TOO MUCH) of the status of Tibet within PRC.

(d) dealing with the Dalai Lama has immense, unique and valuable advantages for Peking: every peace-lover suggested that since long! But there was a balance of power game behind. Time, maturation and more pressure was needed: finally the Olympics dynamics accelerated events and got it (Olympics propaganda aura –  Tibetan popular revolts in March – worldwide solidarity, although infiltrated by anti-China Hawks – boomerang into Olympic games –  today’s Beijing decision to start colloquia).

(e) Beijing knows it has to better CALIBRATE his Tibetan policy, just that and up to a given, prefixed  limit: more provincial autonomy; a larger personal role of the Dalai Lama. Nothing, no concession to  the Nationalist components of the Tibetan society.

(f) Beijing and the Dalai Lama have both a close, and increasing interest to close their 1959 gap: the 2008 Tibet base movement has marked a further step towards pure nationalism and separatism, that has taken more and more space in the last 20 years (according to prof. Montessoro).

(g) DALAI LAMA value added to enter a contractual game: the traditional Tibetan élite is close behind him, no problem. But things  have changed across decades: who’s the emerging local élite, how much do they, and how many do listen to him? For how long? DAKAI LAMA IS BUYING PRECIOUS TIME, by accepting to deal with Hu Jintao (also buying time, while this authoritative Dalai Lama is alive: LONGLIFE!). Nationalism and independentism is necessarily arising, it happened everywhere in close cases in the world, even after the most advanced and even excessive concessions (feeding the separationist process). There are hundreds nationalities unfitting Nation States geography all over the word, it’s a big mess: there is something wrong in the whole of it, the bloody Nationalism. One thing is the terroir, the roots: another an ideology of hate and separation, in a continuum of geography and humanity. Therefore: no blessing, no solidarity to Tibetan Nationalists. They’re intrinsically as  fascists as anyone else, from the Basque  country to everywhere.

(h) Take – as a benchmark –  Austrian speaking people in the  Bolzano\ Bozen province, Italy: they have every possible and imaginable privilege; they are amongst the richest in Europe, with one of the lowest unemployment rate in the world (1%; 2% in recession times !!!); and they’d much, very much poorer, did the province move to Austria’s domain (NEVER !). Decency and self-esteem limits of a nation state (Italy) have been humiliated and trespassed by far, in the postwar  settling De Gasperi-Gruber Italy-Austria agreements (deeply unfavourable and unjust for Italy: a major failure of the excellent De Gasperi). Well, many of them (I think the most irrational, stubborn and stupid ones – in any case the nationalist wing), still want to join Austria, and live in Italy at the same time. And we, the too much Christian, peaceful Italians, we don’t send them behind the Alps, into Austria A CALCI IN CULO (boots in the bum), AS THEY DESERVE!!!  I am not sure it’ll not end up this way, sooner or later: in nearby provinces (like the Dolomites) there is a sweeping revolt, for the unfair tourism competition coming from over-subsidised Bozen Italians, paid by all over Italy taxpayers, and still thinking – the Nazis –  they’re Austrians (90 years after 1918 war end. YA BASTA). You go to a hotel there, you pay just €20 or max 30  a night, in the high season, but  they receive the double as a subsidy (they cash a normal €60 to 100): how can one compete with them in unsubsidised Cortina d’Ampezzo, one valley far away?

(i) Lots of sympathy and understanding for Hu Jintao, in THIS RESPECT! The opposition and resistance to bare Nationalism.  First, the Chinese Empire de facto did not explode as the contemporary Roman one did, so it’s still alive. Second, on this tradition he’s not the devil. Just a tyran among many: including those fabricated by Western “democratic-at-home” monopolies,  secret services, their allied-satellite forces and mafias. At least, he’s autoctone, genuine, home made and, BASICALLY: stemming from CP stronger resistance to Jap Imperialists (the Nanking rape murderers), compared to the Kuomintang. And history never goes backward.

(j) Unless you stop it, with concessions and a fair compromise, Tibetan Nationalism would quickly escape any real control even by the Exile Govt., therefore  leading to a tit-for-tat of mass revolts and repressions, eventually: an unequal civil war and likely democide, in such a case (NB: according to our analysis and independent sources, a democide already happened; but a new one would be the end of it, last Tibetans escaping from Tibet: Who wants this? Perhaps some cynical Western Imperialist? Even a few suicidal Tibet martyr nationalists?).

FAQ. IN SUM, who wins, who loses this game round, with an announced Tibet Table?

See the answer, at the end of the initial English section of  Arcapedia’s TIBET,

THIS, AND MUCH MORE IN OUR TIBET PAGE: here on the right, static pages column.

Grill’Arlecchino e grillini pro-BoBe

MISERIA ASSOLUTA DELLA FILOSOFIA GRILLO-POPULISTA

GrillArLecchino e grillini:  proBoBe senza saperlo,  persino convinti del contrario, uscendo da una attiva campagna elettorale? Ma l’avete deluso il Cavaliere: sperava voi sottraeste molti  più voti a Veltroni (li avete tolti solo a Bertinotti), per poi alla fine confluire nel PdL come nuova ala ultra-populista, tipo la prima Lega non di governo.

STARTING FROM TODAY, GAETANO LUCA AND IVAN FILICE allow free downloads of their counter-inquiry book on Grillo’s cheap populism: “Webbe Grillo. La rete parla: dubbi e contraddizioni su tutto ciò che sta dietro e introno a Beppe Grillo”. GOTO http://www.lulu.com/content/2190304. Even at Panorama, Berlusconi’s weekly, they don’t love the showman and underline his income is 20 times Prodi’s one.

Executive Summary. Occasional Paper: oggi 25 Aprile, invece di celebrare Liberation Day, ci tocca sorbire del SM disgustante: l’orgasmo strabordante dei media masochisti che parlano bene di Grillo sadico che parla male di loro che parlano bene di lui che parla …parlano … parla …: uffa, vaffa tutti quanti, ya basta! E non possiamo più nemmeno leggere l’Economist, col quale c’eravamo un tempo allungati i pantaloni, s’è ingrullito pure quello … Nostro scoop esclusivo, giornalismo di contro-inchiesta: MAMMA MIA  ai grulli di The Economist gli s’è ingrillato il cervello. Vaff’Economist.

BIBLIOGRAFIA RAPIDA: Roberto Esposito (2003), L’impolitico (intervista su tema del suo libro). RAI: Enciclopedia MM delle scienze filosofiche.

 

Caro GriArlecchino, servitor dei BoBe padroni.

Tu, passi: fai lo sporco mestiere per cui t’hanno inventato, che eri un comichino qualsiasi; cercar carne, carogna per avvoltoi; recitare la parte improbabile di un anti-media più mediatizzato della Madonna Pellegrina. Ma la tua vocazione era un’altra e l’hai tradita: il Grillo Parlante che dice la Verità, il re è nudo. Comincia a dirne una.

Caro Grillino Cretino. Se non lo sei: ma perché mai hai deciso di arruolarti proprio nell’EBR, Esercito Berlusconista di Riserva? 

Ogni Grillino adepto, se non è un Berlusconista in fondo all’anima, è un cretino patentato, ha l’IQ basso basso e gli conviene passare all’ULSS. ECCOGLI QUI LA PATENTE SERVITA, con tutte le motivazioni. 

PER UN V-DAY VERO E ROSSO VIVO:

CONTRO I LAOGAI DELLA SCHIAVITU’ DI STATO,

E LA FACTOR OF THE WORLD SENZA SINDACATO.

NOI CON QUESTO MOVIMENTO POPULISTA DI DESTRA NON ABBIAMO MAI AVUTO NULLA A CHE FARE: NEMICI ASSOLUTI, NESSUN PUNTO di tangenza, dubbi, nulla.

Ma nel popolo viviamo, e li abbiamo visto i post’68ini più sfigati, che non li voleva proprio nessuno, apparire come Grillini ad una marcia in Valpolicella, e così via.

Ci ha colpito poi il fatto che amici sinceri, non addentro nei meandri del Politico complesso c’ingrillassero (ah, bravi grillini a deep ..) e quindi c’ingrullissero. Ci siamo chiesti: Grillini? Grillioni? Griglioni? I me  ..joni?  E QUANDO MAI  ci siamo venduti a Fininvest? In caso positivo –  chi c…. ha millantato credito ed  intascato per noi, che non arriviamo mai alla terza settimana del mese, questo qui manco alla seconda?

Pertanto, POPOLO DI SINISTRA, datti una regolata sennò noi ci chiamiamo fuori, ti  si lascia coi Grilli per la testa e so’ cavoli tuoi. Modesta proposta per una V-week vera dopo i V-Days finti per compiacere BoBeBu, dar l’Italia (si fa per dire: è sempre di noi che si lavora e si crea) ai BoBeBu-rattinai di Gril-Lecchino.

Per una volta senza speculazioni e bolle mediatiche, ci vogliamo occupare con Amore dei tanti popoli cinesi? Come vivono davvero, cosa fanno, cosa soffrono e per chi? Per noi soffrono e persino per te, Grillimbecillo!!! Alla miseria della tua filosofia politica, dedichiamo tanti Vaffa quanti sono i $ del buco subprime (non meno di un trilione).

 

DEFINIZIONI: IMPOLITICO versus POPULISMO. 2 nemici mortali.

PREMESSA. Vi è una LOTTA – POLITICA E SOCIALE – DI CLASSE “MORTALE” (mors tua vita mea- proprio perché insistono sullo stesso segmento di domanda, spazio ed ecosistemi politici: o l’uno o l’altro, aut-aut) tra i 2 alternativi fenomeni di rigetto di ogni sistema politico difettoso, oppressivo e riformabile – o anche: corrotto, gerontocratico, irriformabile, marcio, obsoleto, perverso, rivoluzionabile e da buttare, come è oggi, ad es.,  il sistema politico nella metà delle grandi potenze globali: la cinese e russa (imperi capitalisti e mafiosi postcom), giapponese ed italiana (capitalismi monopolistici mafiosi senza un impero proprio, trafficanti nelle e tra le aree d’influenza altrui; inoltre, ambedue postDC e miracoli economici). Interessante il fatto, poco discusso se non a spizzico, che nell’era della nuova globalizzazione, metà delle Grandi Potenze abbiano bisogno urgente (in tutti e 4 i casi citati, per motivi intrinseci e non solo etici: per essere all’altezza dei tempi) di una Rivoluzione Politica, be it lenta e puritana, o rapida e giacobin-bolscevica. Con la guillotine. Solo la Cina (dei 4 regimi politici in crisi) ha una lunga strada economica davanti, certamente senza riforme politiche; scontando cinicamente, ad Est ed Ovest:

i) una conflittualità di classe e popolo, ed una crescente repressione democida all’interno, nella tradizione imperial-maoista;

ii) la collusione di tutti i capitalismi co-interessati alla Factory of the World (FoW). 2 anni fa è stato smascherato (dal corrispondente  locale NYT,  il Fausto Coppi del giornalismo d’inchiesta, WP è Bartali; le loro defaillances qualche volta, come Fausto) il fatto che tutte le Democrazie e Diplomazie occidentali congiuravano, come una Lobby Fascista, contro una legge che voleva istutire dei piccoli mini-sindacatini in Cina.

iii) Tutti oggi sanno al mondo dei LAOGAI, grazie ad Harry Wu (Bitter Winds. Trad. ital.  Controrivoluzionario [SIKH]). Un Eroe indomabile, che è riuscito a sfuggirne ed ha dedicato la sua vita a questa causa, oggi la più nobile e sublime al mondo: combattere il Male nel suo centro. Sappiamo che la FoW include spesso e  normalmente dei reparti-Auschwitz di lavoro forzato per l’export. Ossia, gli Auschwzitz democidi esistono ancora, sono aperti e funzionanti, noi ne compriamo i prodotti da Wal-Mart (con Hillary nel CdA)  ed altrove. E nessuno dice niente, va bene così! Deeprecession tornerà, e chiederà ai siti fratelli nel mondo di fare assieme  una campagna su questo. Non ci si può commuovere con Primo Levi, e tollerare questo nel silenzio complice. NOI NO.  Harry spiega in cosa un Laogai è peggio di Auschwitz e di un Gulag: il lavaggio del cervello, più volte al giorno. Al più assurdo, bastardo, criminale e democida sistema di dominio della storia (ha appreso dai precedenti, è post-nazista), è bastato sfuggisse solo Harry, uno solo. Ma un caparbio. Ed abbiamo sapito quello che non dovevamo. E adesso non vorrete che lasciamo Harry solo?

iv) Qundi l’agitazione pre-olimpica occidentale delle anime belle e dei Sarkò-ci-penso-un-pò (e ci ripensa dopo una telefonata da Carrefour), è la solita baggianata, stupidaggine inventata dai media dei Monopoli Informativi. Come dicono giustamente, sui siti Web2,  i giovani cinesi critici del loro regime: “noi ci facciamo un mazzo così per decodificare la Verità sotto un regime liberticida: e voi, stronzi di occidentali, ve le bevete proprio tutte le bufale?” Abbiamo lettori cinesi a deeprecession: ci chiedono cosa diciamo nei pochi testi italiani. Sono i nuovi amici che amiamo di più, perché  siamo cristiani – almeno in senso Crociano – ed economisti: sappiamo che loro soffrono lo sfruttamento anche per noi, al nostro posto. Quindi, nel senso dei quaderni di Simone Weil e della cristologia, sono una Figura di Cristo. E non possiamo non amarli. 

Se Beppe fosse il saggio Grillo Parlante di Collodi, questo era un bel tema anti-stampa di regime. I Laogai, Gulag cinesi dimenticati, ed invece il diversivo:  la montatura mediatica, bolla  speculativa sulla lotta per l’auto-determinazione del popolo tibetano. Ma non lo è, saggio. E guai a non mobililtarsi come scemi del villaggio mediatico globale, anche per le cause finto-liberali dei Capitalismi de Noantri. In realtà, la Bolla Olimpico-Tibetana è un sostegno palese ai fascisti-comunisti cinesi; contro-informazione, diversivi, falsi obiettivi di polemica, mentre passa per normale tutto lo sfruttamento quotidiano e lo sradicamento di 1 miliardo di cinesi Han (vittime pure in Tibet, poveri Cristi). Si veda di lato la nostra pagina Tibet: in particolare  il bell’articolo apparso su AsiaTimes, del corrispondente de La Stampa.

Natruralmente e come quasi sempre  non c’è nessun complotto. Ci mancherebbe! Hu Juntao ed i suoi sono talmente Egotici, anti-ironici, autocratici, dementi e totalmente deficienti che s’incazzano contro i Tibetani ed i media, invece di ringraziarli entrambi del prezioso aiuto e GRATUITO lungo lancio pre-pubblicitario delle Olimpiadi. Hanno capito ‘na mazza ed appena fatto un contratto con una seconda agenzia di marketing, a Pekino (e che bisogno c’era? tutto il villaggio globale vi fa gli ad, mezzi TG vostri!).

Però se anche questa non andasse,  noi a deeprecession sapremmo benissimo come fare, nei minimi particolari ed a livelli iper-strategici che la concorrenza manco s’immagina. Beh, per il prezzo … 

DEFINIZIONI

a) DI SINISTRA, come fenomeno politico in se, in base all’origine storica della Sinistra (senza alcun connotato etico, meno che mai “progressivo”: un gruppo semantico da abolire),  è l’Impolitico, ossia la reazione e lotta delle (conflittuali, diverse ed eterogenee) classi sociali oppresse dal Politico. Qualunque sia la sua manifestazione (post-) ideologica e declinazione programmatica: dalla veterocomunista o socialista, alla liberista o neocon; che oggi infatti trovano nell’impolitico un inedito terreno di incontro e dialogo, tra “opposti moderatismi” di dx e sin.

Il vero punto analitico-e-storico è se classi diverse ma comunemente oppresse si uniscono e convergono in un Nash collaborativo: allora è riforma\rivoluzione e l’Impolitico si fa Politico.

Quando il gioco politico è un “Dilemma del Prigioniero” (non sempre), ma anche in altri casi, ciò può avvenire solo se le classi oppresse hanno dei leader lungimiranti, che comunicano alla loro gente che il gioco è ripetuto, pertanto conviene mettersi d’accordo con le classi con cui si litiga sempre (sul terreno economico), per sovvertire assieme il sistema politico che fa ormai da abito stretto. Come vedremo oltre, Grillo tutto è, meno che un leader da giochi ripetuti. Con lui in piazza ed in rete, i Feudatari della vecchia politica sono certi di restare in sella per sempre, e passare la mano in futuro ai delfini (Tremonti e Veltroni Jr), senza barricate né ghigliottine. Solo innocue parole e parolacce, e falsi obiettivi privi della minima analisi tecnica, sociale e politica (quando mai fossero genuine le intenzioni, del che dubitiamo).

IMPOLITICO E’: la gente si scassa i marroni, ha reazioni spontanee di rigetto, YA BASTA! Nel caso italiano, a spanne (Ilvio e gli esperti possono meglio di me dare le misure esatte del fenomeno, dalle indagini e loro chiavi interretative) gli ecosistemi impolitici coprivano circa i 2/3  della domanda politica (elettorato e non solo: la domanda continua, sul mercato dei programmi ed implementazioni)  con Mani Pulite; oggi, dopo una fase di soddisfazione nella nuova offerta (Forza Italia, Ulivo) in cui era sceso ai minimi, per delusione è già risalito ad almeno 1/3, ed ha un ciclo che lo riporta verso i 2/3:  dipende (sul lato offerta del mercato) dal nuovo governo, come userà la carta bianca ricevuta. Noi siamo ottimisti per il ciclo impolitico: questi la useranno da cani.

I cicli impolitici, tuttavia, assai raramente rompono la circolarità e “si fanno Stato”, linearizzando la Storia. Di solito, come lo scontento li alimenta in entrata, così vi è un flusso in uscita che svuota lo stock di “mercato impolitico” (una specie di Aventino dell’elettorato). Divengono appetibili come mercati politici preziosi (non fidelizzati) e vengono conquistati da un marketing ad hoc, di cui Grillo per conto di BoBe è un esempio tra i 1000. Talora tale spontaneità si auto-organizza un pò, alza dei paletti e così si tutela, ma deve fare molta attenzione agli Avvoltoi, predatori politici pronti a sfruttarla. Di solito va a finire proprio così: l’Impolitico popolare disorganizzato, è preda facile dei suoi peggiori nemici, travestiti da Demagoghi e Politici Nuovi – oggi in Italia il Carroccio. Ma questo riesce a farsi pure erede della sua jeunesse in  Mani Pulite, mentre ha le mani nel sacco del Cav. A tanto è arrivato il karakiri sistematico della Sinistra Depressa! Arrridatece el PCI, PSI, PRI e PLI! La DC? No, grazie.

b) DI DESTRA in senso storico è il Populismo, Avvoltoio che vola, vigila e preda sui territori impolitici. Che pure spazia, ma piuttosto tra gli estremismi (non tra i moderatismi di CS e CD, come l’Impolitico): dal fascismo e golpismo assassini e torturatori (che giocarono a rimpiattino col Peronismo), al Caudillismo de Izqierda alla Petro-Chavez (il Comunismo DOC di Pekino non ha nemmeno bisogno di manfrine populiste, per ora: ha il Potere e basta). Dai marroni a Maroni: il populismo è una colonizzazione degli ecosistemi impolitici,  da parte di vecchi (il secondo Peron, il terzo Be) e nuovi personaggi o forze politiche (Peron la prima volta; la prima Liga du terroir, nata nel Veneto DC ed estranea al Bossismo-Leninismo; BoBe alleati nel 1994).  

The Economist ha ahimè perso il lume della ragione, sia nell’analisi economica che politica: l’ultimo editoriale “Mamma Mia” (nelle edicole) ripete ancora la manfrina che il Cav. avrebbe vinto le elezioni per via delle sue TV: pure queste? allora è Dio e se lo merita! Ma vaffa! Scenderei in piazza con Grillo (se non fosse un odioso, untuoso NEMICO DI CLASSE), solo contro la valanga di idiozie supponenti dell’Economist. NESSUN EQUIVOCO (e vergogna alla imbelle Sinistra Depressa, ministri comunisti inclusi): le TV generaliste sono un suo monopolio\ duopolio nel ciclo politico governo\ opposizione, OK. Sono un male, né più né meno di TUTTI I MONOPOLI, DUOPOLI ED OLIGOPOLI. Praticamente, TUTTI I CAPITALISMI ed i loro settori: con differenze di grado nel potere di mercato, insegnamo in aula. Stupidaggini politiche pro domo sua quelle del collega Giavazzi che la sinistra dev’essere neoliberista (e la destra cosa: filo Putin?), ma ridurre i gradi di monopolio è certamente cosa buona e giusta, senza etichette e sempre, anche se la monopolista fosse la Madonna Aparecida in persona. Però: cosa c’entra tutto questo con il voto ABCD (adulto, ben informato, consapevole e déja vu) che ha ricevuto il Cav.? A The Economist gli s’è ingrillato ed ingrullito il cervello. E ditelo chiaramente, no, che gli italiani non leggono i giornali, non sanno a cosa servano i libri ed i computer oltre che da beni di arredamento, e sono a metà analfabeti di andata o ritorno: allora discutiamo del VERO problema. VAFF’ECONOMIST! Forse non ti rileggiamo più, ora che i calzoni li abbiamo lunghi.

Allora il TEST, la cartina di tornasole – secondo le nostre definizioni –  è: PER CHI lavora Beppe Grillo, per l’auto-organizzazione dell’impolitico popolare o per gli avvoltoi populisti, oggi BoBe, domani un altro?  

Prima di rispondere, guardiamo un attimo cosa succede in giro nel mondo; andrà come andrà, ma -ad esempio – negli US oggi c’è un fenomeno senza precedenti, almeno nelle sue proporzioni:

1)  almeno metà dell’elettorato è impolitico: per via di Bush. della crisi economica e dell’onda lunga post-Reaganiana (TUTTI sanno che il subcrime è frutto doc della deregulation).

2) Mc Cain è in testa perché pesca a man salva come Avvoltoio, ma non ha un solo gruppo “web2” neocon o neolib-Chicago boyz al suo attivo.   è una lame duck; l’unico finanziatore, un magnate, centellina i soldi ritenendoli una manica di Grilli imbecilli.

3) Mentre quelli “progressive” (sono tanti, e forti) sono mobilitati, appoggiano e CONDIZIONANO Obama. Paradossalmente – ma questo è un limite di Obama, politico  non così nuovo ma piuttosto Clintoniano doc secondo il maggior studioso del Democratismo-, i progressive lo inducono a posizioni populiste come il protezionismo.

4) Paradossale mica tanto, sistematico: lì negli States dove danno della socialista a Hillary, comnista a Barack e marxisti tutt’e due, c’è un poco di confusione terminologica. Guardate questa presentazione dentro il sito-ombrello “The Progressive Community”:

21st Century Democrats

Formerly Democrats 2000, 21st Century Democrats was founded by progressive Democratic officials to give progressive and populist candidates the support they need to win elections.

5) Tutta la battaglia politica US 2008 si gioca sulla coppia: impolitico maggioritario nella base – e conseguente gara alla popolarità impolitica e\o populismo tra i 3 candidati (emersi proprio loro 3 perché unici competitor su tali ecologie: Hìillary con qualche gaffe ed imbarazzo, gli altri 2 animali da savana impolitica, nel loro habitat). Che infatti stanno rilanciando ogni giorno in questa direzione. Hanno già promesso la Luna ai disoccupati subcrime senza casa di Cleveland, quando il Circo delle Primarie passava di lì col suo Tour. Adesso avremo, dopo i fascisti, i candidati Presidenti su Marte.

La nostra ipotesi è che Grillo sia un sub-comandante del Populismo cialtrone, supporto indispensabile a chi ha vinto le ultime elezioni (sulla Rendita Politica della Sinistra depressa e suicidaria), e vuol mantenere all’infinito la Prima Repubblica Gerontocratica. S-governeranno per 1-5 anni, poi verrà Veltroni o D’Alema, quindi tornano loro con al seguito Grillo Arlecchino servitor di 2 padroni: Bo&Be. Berlusconi ottiene sempre ciò per cui ha diversificato la sua conglomerata nel mercato politico: a turno, governa e porta fuori prigione i suoi agenti di corruzione e stallieri; poi passa all’opposizione e non cambia nulla. Grillo assicura il consenso e\o l’impotenza, anche dalle ali estreme della domanda politica.  A quando una trasmissione sulla sperimentale-giovanilista Italia 1: “il nano” del venerdi sera?

 

ASSIOMATICA

Punto di vista di deeprecession e Madre di tutte le FAQ:

PERCHE’ IN ITALIA  ABBIAMO UN DEFICIENTE, FRUTTO DELLA DISPERAZIONE, ALIMENTATORE DELLA DEPRESSIONE DI MASSA e dimostratore scientifico di Prozac (vedi pagina a fianco: Arcapedia. A Prozac for mass depression) come GRILLO? E NON, invece, UN LEADER DELLA SPERANZA COME BARACK OBAMA?

RISPOSTA. Semplice: il sistema marcio ed irriformato da Mani Pulite, della (tuttora, exactly come in Giappone, caro scienziato politico c….one!) Prima Repubblica de-DCizzata ed im-Berlusconata, riproduce se stesso in vari modi. Anche introducendo anticorpi funzionali, Her Majesty’s oppositori  alla Beppe. Lui porta a ramengo tutti gli incantati dal suo flauto, e tutto fila liscio: alle ultime elezioni almeno 1/3 dell’elettorato era Impolitico, e cos’ha contato, cos’ha fatto, cos’ha portato a casa? Facendo l’impolitico anziché il sub-populista, 1/3 di elettorato intelligente avrebbe potuto\dovuto essere egemone su ambedue i Poli, ed orientarli: non al Centro (idiotissimo teorema centrista di Sartori, che non ha mai letto Hotellng e dimenticato il cap. relativo del Dawns), ma verso il problem-solving, il progetto per Milano e Roma, Italia ed Alitalia. Ovviamente la legge elettorale lo impediva: certo non a caso. Solo un referendum o ghigliottine in piazza cambieranno una legge elettorale così PERFETTA.

Quanto ad un Barack Obama, come volete che esca in una Prima Repubblica smarsa, che annovera ancora tra i Senatori a vita, il riconosciuto Presidente del Terzo Livello della Mafia, il suo organo politico di governo?

ASSIOMA ALFA: DELL’ESISTENZA 

L’esistenza stessa, la nascita e poi una certa, benché limitata presa (a onor del vero: più nei vaffa-media masochisti che nella realtà) del Cretinismo-Grillismo in Italia, è una prova e testimonianza vivente del sotto-sviluppo, che è seguito nel sistema politico italiano, con un’involuzione ed avvitamento su se stesso,  alla fallita, mancata e pacifica Rivoluzione Politica di Mani Pulite. Occasione mancata, su cui riportiamo dal nostro file Italy_badly_needs_reform_and_won’t_get_it_soon.pdf, questa citazione da un editoriale del FT:

Italy had a priceless chance to renew itself politically when the Tangentopoli investigations by activist magistrates began unknotting the interests of businessmen, politicians and mafiosi; and a golden opportunity to re-engineer its economy, after swapping the lira for the euro sharply reduced its borrowing costs. It did neither.  

FT, April 7, 2008; quoted in italy-badly-needs-reform-and-wont-get-it-soon.pdf

TEOREMA 1: DELLA MISERIA SUB-POPULISTICA

Il populismo è una cosa seria e pericolosa per la democrazia, il Grllismo no: sotto-marca low cost.

LEMMA OMEGA: GRILLO HA PIANTATO IL PERO, BOSSI RACCOGLIE LE PERE.

E LE PORTA AL MERCATO POLITICO. QUI TREMONTI SE LE FA: LE PERE ANTI-DISTRETTI che si ristrutturano e ritornano competitivi, ANTI-ECONOMICHE, ANTI-ETICHE, ANTI-GLOBAL, ANTI-PACE, ANTI-QUALITA’  del lavoro, ANTI-ridurre il debito pubblico in modo graduale ma continuo per non fregare i nostri nipoti, ANTI-TASSE giuste e paghiamole tutti: L’Italia l’è fata, femo i Taliani onesti, ciò!

Al Carroccio applicano Marx, Veltroni no

LA LOTTA DI CLASSE NELLE COMUNITA’ PADANE NON SI FA ATTENDERE

Appena chiuse le urne, è già lotta di classe, di comunità e di potere senza quartiere nel cuore della Megalopoli Padana. Ne vedremo delle belle …

I FATTI

Torino, 18 aprile: nel suo ultimo discorso da Pres. Confindustria, trasmesso in diretta da Radio 24, Luca Lamb de Montezuma ci dà dentro, sfruttando cinicamente l’onda elettorale (ma lui che c’entra?). Visto che l’ex-socio Casini conta ‘na mazza e lui è disoccupato, si propone a Presidente del Carroccio al posto del malato Bossi. Per un NEW DEAL NEW CON: bastonare a sangue gli operai, visto che hanno appena appena chinato il capo, e nell’indotto Fiat a Torino crepano senza protestare tanto: primo sciogliere i sindacati (cantando, su note popolari: “E noi faremo come la Cina ….”).
I lavoratori non si riconoscono più in organizzazioni politiche e sociali incapaci. … I sindacati sono incapaci di dare risposte alle loro vere domande concrete. I lavoratori sono più vicini alle nostre posizioni che a quelle dei sindacati”. Ai margini della sala, aperti i banchetti per il tesseramento operaio a Confindustria. E se non andasse l’ottimo Cinese, ci sarebbero sempre gli US col 7% dei lavoratori privati sindacalizzati. Ma lo zittiscono subito i VERI padroni del vapore.

UN C0R0 ALL’UNISONO ANTI-M0NTEZUMA, oggi 19 aprile.
Tra tutti spicca la Voce del Nuovo Padrone: Roberto Calderoli parla da coordinatore delle Segr. Naz. Lega. Inatteso attacco: “ognuno faccia l’esame di coscienza” ed un passo indietro, poiché lo stato del paese “non consente alcun regolamento di conti o scontri senza prigionieri”. No allo scontro. La Lega si smarca dallo schiaffo ai sindacati (ormai è un partito operaio). Occorre “ricostruire 1 paese che la classe politica e i suoi sodali, sia sindacati che associazionismo [Montezuma in prima fila. NdR], hanno contribuito a distruggere”.

L’ANALISI DI DE(E)PRE(CE)SSION

Riprendendo il blogpost di ieri ANTI-CIALTRONI sulla Megalopoli padana, riscontriamo una attesa sintonia della nostra analisi di classe con quella della Lega, che si guarda bene dal pensare che la casse operaia si sia sciolta: e sennò chi glieli darebbe i voti? Al solito, l’unico che c’ha azzeccato – nel trend e struttura se non nei dati esatti, poi l’Arcobaleno s’è spento – è stato il bravissimo Ilvio Diamanti: tra i giovani 18-29enni, mancava il 10% dei voti dei giovani lavoratori al PD, rispetto agli studenti (sondaggio Demos e Pi, marzo; La Repubblica 080323, p.9: “Voto dei giovani, PdL e Lega avanti di 5 punti”).
Calderoli fa un passo in più: chiarisce che alla Lega hanno letto i Grundgrisse di Marx e l’interpretazione di Max, ossia la lettura neo-marxiana più sofisticata (la si fa anche dalle parti di Padova). La morsa della globalizzazione, della sua crisi e dell’€ forte, vorrebbe costringere nell’angolo il diffuso, dislarghi e distretti del Nord – indurli a fare un salto tecno-organizzativo, concorrere solo sul PlusValore Relativo e smetterla di estrarre dalle Comunità locali (incluso il loro 10% min di marocchini ed immigrati) PV assoluto = sfruttamento estensivo senza nuove macchine, nuovi prodotti e qualità del lavoro.
Ma questi hanno la pelle dura, sono capitani coraggiosi! Mica si lasciano mettere in corner così, e da chi poi, un Brambilla qualsiasi di Bangalore? La pancia molle della Megalopoli ha letto e capito al volo quel brano più famoso dei Grundgrisse, quello sulle “Forme” ed obietta finemente: noi abbiamo ancora delle comunità, che mica tutte le Megalopoli ce l’hanno, anzi! è il nostro plus. E perché non dovremmo (per far piacere a un “muso giallo”) continuare a farne fabbriche di plus-valore? E finché si munge l’assoluto, ci penserà qualcun altro a morire nell’iper-competizione high tech sul relativo: se la vedano a Silicon Valley e Dublino.
Di qui la torta in faccia a Montezuma: stiamo lavorado per la Padania e l’Italia, o ti fai da parte o ti facciamo vedere noi chi comanda. La Fiat risanata da Superman-Marchionne (gettonatissimo all’UBS) deve attraversare un annus (o biennio) terribilis? E tu prova a venire a chiederci ancora la solita elemosina di Stato. O righi dritto …
Il marxismo della Lega è talmente sofisticato, che può persino recuperare le intemperanze infantilistiche no-global del Ministro Tremonti, e stavolta farlo lavorare sul serio (basta cartolarizzazioni, portano sfiga), a difendere le comunità del plusvalore assoluto, nei mercati e nelle istituzioni globali.
All’inizio del Berlusconi-1 uno di noi aveva vaticinato ed azzeccato (firmandosi Pierino Sraffa su un giornale) che Berlusconi non era la Iron Lady e non avrebbe riformato nemmeno se stesso: fatto!
Ora prevediamo una sinergia co-evolutiva tra i nuovi padroni del Politico nazionale, padroni e padroncini del diffuso: a laurà! La riforma ci sarà, e sarà comunitaria.
Questo – almeno – dice la Political Economy, accompagnando l’analisi della Sci. Pol. che il Carroccio, oltre all’unico Partito rimasto (dopo che Occhetto ha sciolto frettolosamente il Pci), è un partito di comunità. E il governo potrebbe essere più BoBe che BeBo, bibì e bibò, ohibò! Ah beh, si beh … Governo anch’io! No, tu no.

Published in: on April 19, 2008 at 7:13 pm  Leave a Comment  
Tags: , , ,

An anticipation on Ben, June 4th

Fed Chairman Ben Bernanke addresses Harvard’s Class Day on June 4.

Charleton Lamb  in The Harvard Crimson, suggests 15 speech traces, e.g.:

1) In order to close the federal deficit, marijuana will be legalized and taxed. Even with the tax, it will be cheaper than what you’re paying in Central Square. 

3) Instead of a speech, he will actually hover over the Yard in a helicopter and drop fistfuls of cash. 

4) The government will seize half of the Harvard endowment under the authority of The Patriot Act. 

5) He will give everyone a free lunch just to stick it to Mankiw. 

6) He will debut his new reality show, in which he and Chuck Norris solve the mortgage crisis by breaking every jaw on Wall Street. 

9) Harvard will merge with Bernanke’s other alma mater—MIT. He swears it’s more economical this way. 

11) The new $20 bill will have a four-color depiction of the moment when Jim told Pam he loves her. 

14) He’s already admitted that the Fed caused the Great Depression, so now he’ll reveal that the Fed killed party grants  too.

P.S. Search “party grants” on Google: you’ll find out, always on The Harvard Crimson (ranging FD Roosevelt and J Kennedy among past writers), what’s  the trouble about party grants uncertainty at Harvard.

Published in: on April 18, 2008 at 8:33 pm  Leave a Comment  
Tags: , , , ,

Veltroni travolto dal treno della lotta di classe: non l’aveva visto arrivare

BeBo rules – è passato un treno padano

Le elezioni del 14 marzo, le ha stravinte Bossi al Nord, specie Verona (il nostro popolarissimo sindaco sceriffo prende da quasi niente ad 1/3 dei voti cittadini, ma è rieletto sugli scudi anche il mio sindaco a Bussolengo), Veneto, Insubria cimbra e Lumbard. Ma anche, nel BP, vince lo stratega Berusconi che s’è stretto in alleanza strategica con gli emergenti – da vedere chi guadagna e perde nell’alleanza, chi  investe e quanto nel matrimonio, e qual’è la regola distributiva del plusvalore politico, direbbe giustamente la  Fede Perali’s family economics.

Ora, come hanno detto la notte stessa gli amici ultra-lib di nFA (noisefromamerika.com), Michele Boldrin & C, c’è un vantaggio nella prima repubblica imberlusconata, rispetto al paradigma DC-PCI della guerra fredda ed ai suoi papocchi: ci sono vincitori assoluti e sconfitti assoluti: tutti gli altri, Fini incluso.

Veltroni non solo non aveva visto un treno, che l’ha travolto e polverizato: era convinto che fossero tutti cancellati. Camminava tranquillo sulle rotaie cantarellando: i treni son finiti, i treni son finiti …

Veltroni? Aveva fatto un’affermazione chiave in campagna eletorale (giustamente rimbeccata dal tramontato Bertinotti, pure lui travolto dalla lotta di classe, nel Nord in trincea con i tedeschi e gli svizzeri, contro i Chindiani low cost- che hanno appena fatto un investimento in Campania, NB – e la reindustrializzazione US da $ debole):

– ragazzi, la festa è finita, lo aveva detto Kennedy: LA LOTTA DI CLASSE E’ FINITA.

L’aveva detto, la penultima volta, il grande Ralf Dahrendorf  negli anni ’60, pochi anni prima della seconda più grande ondata mondiale di lotta di classe operaia del XX secolo. Ma adesso, nessun osservatore serio dice che è morta: tutti ne indagano i nuovi profili e fanno scommesse da dove e da chi partirà un’onda nuova, che oggi ha 2 Tsunami contro: 1) 1 miliardo e mezzo di contadini poveri immessi nelle reti globali dei MdL; 2) una recessione mondiale durissima, ormai innescata. O, come dice Lipovetsky, è la cultura di classe che è morta: TUTT’ALTRA COSA! Se pensate che l’operaio rosso che ha votato Lega non farà lotte dure, avrete sorprese (vedi Cremaschi sotto).

Stamane su radio 3 Antonio Politi specifica e ribadisce il Veltroni-pensiero (o è una SUA versione?): oddio il treno c’è, ed è padano.  Assioma dei vertici neo-centristi stra-sconfitti, ma che insistono a non dimettersi: nella PMI e nei distretti, c’è coincidenza di classe tra operai e padroncini; la classe  non c’è più. Peccato che, non queste baggianate da 15/30 in sociologia del lavoro, ma l’analisi di classe del diffuso l’abbiamo fatta, rifatta ed aggiornata per 40 anni, nella rete dei centri di ricerca veneti; questi  cialtroni non sanno di cosa parlano: leggono l’ultimo aritcolo di sociologia di CorSera ed è tutto. Attendibile la cimbro-pensata di Politi (e Veltroni). Apparentemente IPER-realistica: parlano fatti e voti. Ma andatevene a casa e rileggetevi non dico Marx baubau, ma le basi di scienze sociali da Tocqueville a Bourdieu: i classici, parbleu!

Ai lettori di giornali (non i bollettini di casta e sotto-casta italiani: quelli veri) e dei dossettiani-giovannei segni dei tempi, risulta invece che i treni della  lotta di classe continuino a solcare e dividere, in fronti alleati o opposti, una NUOVA superficie geopolitica ed economica. More or less:

FAQ 1. dove sta, cosa fa la “Megalopoli Padana”? (io ho sempre usato questo termine rigoroso dell’amico Eugenio Turri, ma per i sinistri veneti pareva che bestemmiassi in antico cimbro)

Non sta forse in trincea a difendersi con l’elmetto – non certo il lusso o la frontiera tecnologia svizzero-tedesca dell’UCIMU – ma  tutto il bulk della PMI ancora poco specializzata ed internazionalizzata, che non ha saputo reagire strategicamente, in modo ottimo di lungo periodo, all’€, o non ha accumulato apprendimento, conoscenze e  risorse per farlo con successo?

Non dite fregnacce allora con le vostre fantomatiche melting-pot classes: guardate ai processi di apprendimento e cognitivi in corso; agli scenari di mutamento strutturale e ridislocazione di classe: – locali-locali (chi investe sul Capitale Intellettuale, chi sul precariato e chi vincerà dei 2).

– Regionali-europei:

– sistema finanziario “chiuso” franco-renano, e modelli sociali europei in genere – ora in auge, rafforzati dalla crisi US, ma non per molto;

– l’Europa emergente dei nuovi lavoratori autonomi di Sergio Bologna, in buona parte (ma non del tutto) coincidenti coi KBBS di Ian Miles e creative class di Richard Florida;

– paradigmatica la Celtic Tiger irlandese, guidata da una Dublin che ha imparato l’economia urbana di Jane Jacobs, ed è stellarmente opposta ai Brambilla cimbri.

– E nel mondo: lotta di sistema-paese col coltello in bocca: merci cinesi senza sbocco US invaderanno anche deserti e ghiacciai; fianco debole della PMI italiana = morto che cammina, ma nella sua ultima trincea ESIGE di essere difeso dal sistema-paese, come lo sono i suoi concorrenti. Quindi hanno ottimizzato votando Lega in massa – e non uno di loro con la fregola di fare il Ministro Veneto di Veltroni.

Deeprecession lo dice in tutte le salse, potremmo anche sbagliare: ma a noi pare che la speculazione SUBPRIME sia un episodio di rapina di classe e guerra civile senza precedenti. Veltroni, cos’ha capito nella sua testolina kennedy-obamiana? Se ne vada a casa col suo buonismo: noi l’Africa la conosciamo bene, e sappiamo che anche lì non sanno proprio che farsene della sua carità parolaia e pelosa. Hanno dignità.

Se pensate che queste analisi DI CLASSE, RICARDO-MARXIANE siano pippe intellettuali, guardate che popò di POLICY IMPLICATIONS derivano dai 3 paradigmi di scienze sociali con cui leggere la Metropoli Padana: a) classista di deeprecession: Smith-Ricardo-Marx-Kalecki, b) a-classista con venature più cimbre che Blairiane di Politi-Veltroni; c) regionalista cimbro doc di BeBo e Tremonti.

Cremaschi e Tremonti: occhio, col tit-for-tat protezionistico non si scherza!

Poi c’è il compagno  Cremaschi, cui mi unisce molto, anche una comune amicizia con Giorgio Lunghini. BENE LA SUA ANALISI DI CLASSE in diretta, il polso delle fabbriche.

Qui i bipartisan di CorSera (non era meglio se Ricucci non se li comprava e rivendeva al Cavaliere? avremmo il bipolarismo anche nei media) gli giocano un tiro mancino, mettendo nel titolo di ieri, giovedi 17 aprile: non sbaglia Tremonti? Lui aveva detto cose più articolate. Ma: OCCHIO! 

Keynes ritorna,  la sua Lezione è un monito: col tit4tat la depressione si avvita, si avvita: ed è GUERRA MONDIALE

posted by efa, 080418, GMT 9:45

 

David Cass has died

david cass

Let me just remember a couple of things in his innovative,  outstanding and always thought-provoking intellectual legacy:

– extrinsic uncertainty, with Karl Shell (1983): DO SUNSPOTS MATTER?

– “His year devoted to the search for a necessary and sufficient condition for efficiency in the neoclassical growth model led to the remarkable condition that the sum of the inverses of the present prices of capital over the infinite future should be finite” (from the quoted Am. Ec. Ass. pdf).

Please look at:

http://econ.upenn.edu/DavidCass.pdf

http://www.econ.upenn.edu/~dcass/

Michele Boldrin: Shine on you, Crazy David

best introduction to Dave is perhaps this 1998, 26 pages interview with Spear and Wright, a nice piece of autobiography and contemporary history of economic sciences:

http://www.econ.upenn.edu/~dcass/cass_interview.pdf

It starts with his oral interview with Ken Arrow … ! Real fun.

Not only his friends will miss David Cass.

 


BeBo won, Italy lost

Italy badly needs reform and won’t get it soon

In the enclosed pdf we report and discuss:

a) productivity per hour 2001-06 growth: 0% Italy, 1.3% Europe15, 2.2% US, >4% South Korea (OECD, WSJ)

b) what we might expect from the incoming BEBE-BOBO government (FT)

c) 103% debt/GDP, at 0.50 spread on Germany will cost more and more, in the financial turmoil (FT)

d) noisefromamerika.org dreams of un Vero Partito Liberale; we, un Autentico Partito Socialista. For the time being, and first time in Italian history, we have no socialist nor communist MP or Sen.

Meanwhile, ALITALIA is bankrupt, with little cash and threatened a stop by the International flight authority. The WSJ was the last newspaper in the world to support Berlusconi, until one month ago: when they paid more attention and discovered he never was a free marketeer, just an artificial monopolist by law.

Air Silvio

(From The Wall Street Journal Europe)
April 4, 2008

It’s rare for a politician to spark a serious crisis before he’s even won office. That’s what Silvio Berlusconi  

[Silvio Berlusconi]

has done with Alitalia. If, as expected, he wins a third term as Prime Minister next weekend, Mr. Berlusconi will deserve every headache Italy’s flag carrier brings him.

Alitalia is bleeding about €1 million a day and may not survive the summer unless restructured. Rome wants to get things started by selling its 49.9% stake in the airline. But Air France-KLM, the only serious bidder, walked away from the table Wednesday.

(…)  EU regulators have ruled out another public bailout.

The unions wouldn’t have had much leverage here if it weren’t for Mr. Berlusconi.  The center-right leader has railed against the Air France-KLM bid during the campaign. He says that Italian businessmen are lining up to help rescue Alitalia – though he refuses to identify them.

Published in: on April 15, 2008 at 11:44 am  Leave a Comment  
Tags: , , ,

breaking news: Δ + NW

As usual, by far the best economic interpretation on this M&A came out in http://www.breakingviews.com  (click: topics/bidsbuyouts) –  look for it!  Being basically a contestable market (Baumol), or at least one with low entry barriers and sunk costs, shake out will continue in this industry – even after the inevitable concentration wave, just following now.

FT – Delta Northwest deal creates world’s largest carrier

Delta Air Lines and Northwest Airlines agreed to merge in a deal that will create the world’s largest carrier and may touch off a wave of consolidation within the US aviation industry – 03:00

WSJ

Whats News

As of 4:36:00 AM EDT Tue, April 15, 2008
  

[[Go to story.]]  

Delta and Northwest’s boards approved a merger that would create the world’s largest airline by traffic if the deal wins over regulators and employees. The combined carrier would keep Delta’s name and Atlanta headquarters. (Press release) 4:16 a.m.
Published in: on April 15, 2008 at 8:48 am  Leave a Comment  
Tags: , ,

Class and race: remembering ML the King with Michelle Obama

It’s Obama’s New Deal time, girls and boys!

Do not waste a quantum of your energy: preserve it all for the ongoing socialismVSsubcrime fortissima class struggle

ITALIAN ABSTRACT

A partire da una commovente, densa mail di Michelle Obama, per l’anniversario di Martin Luther King, discutiamo qui alcuni temi di un Socialismo Situazionista su sfondo Dampyriano
🙂 Incoraggiati anche dal fatto che il FT weekend DI OGGI ha un articolo così amichevole (benché incolto, ingenuo e disinformato) sul SITUAZIONISMO. SE LO DICE IL FT!
a) L’idea comunicativa situazionista è: perché tutto accada, è sufficiente MISCHIARE CREATIVAMENTE LE CARTE ED I MODULI già esistenti. MA SOPRATTUTTO DARE LE CARTE A TUTTI, APRIRE IL GIOCO DELLA DIFFUSIONE MASSICCIA E CREATIVA, non banalmente imitativa-mimetica à la Girard (apertura che oggi, rispetto al messaggio originale di Guy&C, un’onda lunga fa, si avvale di varie onde di scolarizzazione superiore).
b) C’E’ GIA’ TUTTO ACCESSIBILE O QUASI ACCESSIBILE. Nello iato “quasi” è la ragione per cui tutto il mondo non fa ANCORA come i Tibetani a Lhasa, ma attenzione: c’è una incazzatura colta in giro (sulle origini e gestione della crisi economica, le caste politiche del mondo, mafie e vampiri finanzieri) da far paura.
c) Non occorre scrivere il Manifesto del 2008: è già nelle edicole, ma con barriere linguistiche – basterebbe tradurre in italiano il Financial Times, e – per pareggiare la bilancia commerciale – in tutte e altre N-1 lingue i fumetti italiani di Dampyr. La settimana dopo ci sarebbero barricate in varie capitali del mondo. Dampyr è l’unico testo marxista oggi in circolazione.
b) In base alla teoria sociale mainstream (da Schumpeter a Minsky e Carlota Perez), con una scommessa WE CAN che la stessa teoria sociale ci richiede di fare (anzi saremmo in ritardo di anni: Perez 2002): il New Deal che farà Obama nel quadriennio 2009-12, sarà il pivot di una serie di nuovi assetti e regimi istituzionali di gestione sociale di depressione e repressione (della ripresa “a scendere” della lotta di classe, per disperazione – e non per forza sul mercato del lavoro, che non può esserci, non in generale).

In an intense, deeply moving mail to the Obama people on ML King assassination day (April 5), Michelle calls us to take his flags in our hands. She’s right, and she’s a predestinated too.

This mail has an aura:

In the video: Students at a high school in the Bronx, who had no real interest in their government, have found new hope.

Watch what these kids have to say about politics and race in this country:
Yes, they can
http://my.barackobama.com/yestheycan
Much has changed in this country since Dr. King’s death, and thanks to his life and work we have taken critical strides towards racial equality.
The simple fact that Barack is running a competitive campaign for President is a direct result of Dr. King’s legacy — and this movement for change would be impossible without the support of people of all races, ages, and backgrounds.

Destiny asks the US Democrats to implement a New Deal now: for the depressed, the dominated, the enslaved, the exploited, the raped, the stolen, the vampirized proletariat, the subcrime victim of all the world and the US black and latino victim that cannot American Dream any more. ML King wanted every afro-american family to own her house: how many subcrime victims had his words still in mind, when there Dreams were raped?

Obama’s New Deal. Spinoza time as well: a STRICTLY DETERMINISTIC ROOT EXPLAINS the unbelievable (yesterday it was still Reagan era, ended March 14, 2008: one month ago!!!). WHY THE HELL NOW WE CAN, WE ABSOLUTELY CAN, WE REALLY CAN, SURE WE CAN, AND MATHEMATICALLY – NOT EVEN STOCHASTICALLY?

WE CAN because, when history enters Spinoza regions, social space-time curbs and quickly collapses into just one point. Now, it looks like the impossible- miracle – unpredictable: a New-New Deal by a US President, opening the 3rd M Olympics of power and social relations.

As it happens just now, like a black hole: the direction and pace of social evolution do not depend much upon me, you and even us all any more: we and those bastards, our class enemies. The rentiers extracting in “finance K circuits” (not properly K) trillions $ of surplus value, they even don’t know where it exactly comes from (here comes the difference between today’s rentiers and 2nd millennium entrepreneurial classes). These abrupt democide makers and lifelong serial criminals, through their obscene mass media, have manipulated (along 3 decades) and crafted a mainstream opinion of lower middle classes and proletarians – as if socialisms were now dead, and forever (never herd anything more against History than this PROZAC FOR ANXIOUS RENTIERS; see our page “Arcapedia: which are the Prozac …“), after the necessary decline of red fascisms. Still governing China, nonetheless, and not isolated in the Far East:

a) they sustain, through Bank of China highly profitable (internal monopoly) operations, a lifestyle more than twice its fundamentals – in the metropolis of the now dissolved and expired, former US Empire;

b) they act strategically for their red fascist regime sustainability, and commit all the necessary and required or even slack and superfluous democides, planned in their ROADMAP (from Congolese migrants in their Angola colony to Tibet; even “superfluous” Darfur, where democide’s budget has attained 400,000 victims).

c) Chinese tyrans belong to worldwide extended NETWORKS of division of labour (with mafias and tryads, State and Rentiers bureaucracies, altogether) and COLLABORATION with all sort of DEMO-KILLERS, MONSTERS, RAPERS, RENTIERS AND VAMPIRES. The textbook here is the Italian monthly BD album Dampyr, where all is true: social realities are a mix of anxiety, extorsion, slavery, terror and vampirism; this hyper-realistic and highly documented Vampire series, falls often below reality itself.

d) They call it improperly globalisation. Loretta Napoleoni’s and similar researches have definitely proved, it’s vampirism globalisation: the Russian women were the most liberated in the world (and even in last centuries); a Washington mafia-finance plot has sent them to sell sex in the streets or in Israel brothels. At The Economist they call this Progress: let us send their entire redaction to sell their bodies, in order to proof their Progress Theorem.

If Adam Smith came back, he’d call us to organise Russian prostitutes Trade Unions.

If the international coordination side of 2009-11 New Deals will forget their slavery, they will be Old Deals.

No: socialism is more alive than ever. They are walking dead, they are alreday dead and fucked up, the subcrime rentiers.

By itself, by a pretty long and hyper-complex chain of events, in the actual start of a New Millennium.

By itself, in Spinozian times, with an autonomous momentum (orders of magnitude bigger than the Obama’s one), coupled socio-economic and POLITICAL TSUNAMIS are abating themselves upon all the corrupted, the selfish and the useless CLASSI DIRIGENTI, at the same time and in many countries: be them managers or priests, any rentier or vampire. The precipitation of the real recession, the dramas of hundred millions of families around the world, demand and urge for NEW LEADERS, NEW RELATIONS and dialectics citizens-leaders (e.g., of the type Obama and Axelrod – “progressive” (SIC) bloggers and MoveOn.org).

This is – at first Millennium decade end – an air of the 1960s. And 52 years is, on past average, a Kondratiev long wave: there we are?

In the 1960s economic miracles started producing tensions on, tense labour markets (reversing them FROM DEMAND TO SUPPLY-LED MARKETS, as Adam Smith explained the first).

Big difference is the LABOUR MARKET JUST NOW: Carsic class struggle can emerge on surface, only in a few tight labour markets (e.g. air pilots now in China: ). With 0.9 bn poors in India, almost the same amount in China, and all of them totally integrated and inserted into the world chain of regional labour markets – as never before -, the legacy of 2nd Millennium colonialist 2nd half, is an enslavement of the entire world LF (approximately: 2bn wage earners, indirectly enslaved by labour market globalisation, and a further 10%, i.e. 200 millions SLAVES in the full and literal sense – according to ILO, Genève statistics corrected by our international research center, coord. by Valter Zanin at Padova).

WE CAN! OBAMA’S NEW DEAL

A quotation from last Xmas NYT Matt Bai: the absolute guru, the only one who knows and tells us everything about the DP, and supplies the Obamian boys and girls with a necessary contemporary history perspective (why necessary? since we are agents of Dike and of Necessity, we better know where we come from, or -better- where the wind carrying us comes from). (1)

In an impressive 2005 commencement speech at Knox College, Obama talked about economic transformation. “Instead of doing nothing or simply defending 20th-century solutions, let’s imagine together what we could do to give every American a fighting chance in the 21st century,” he said. “What if we prepared every child in America with the education and skills they need to compete in the new economy? If we made sure that college was affordable for everyone who wanted to go? If we walked up to those Maytag workers and said, Your old job is not coming back, but a new job will be there because we’re going to seriously retrain you and there’s a lifelong education waiting for you?

“Republicans will have to recognize our collective responsibilities,” he went on, “even as Democrats recognize that we have to do more than just defend old programs.”

(1) Three essentials on Matt Bai, a first class political commentator, No.1 on US Democrats:

– his blog: The primary argument, on Sunday’s The NYT Magazine

– his biog, cleverly written by a young and promising Rachel Goldman; she is a NYU student in journalism

– his 2006 book -a must for readers all over the world: The Argument: Billionaires, Bloggers and the Battle to Remake Democratic Politics

post scriptum

See you at next blogpost: I’m going to cast my NECESSARY, SPINOZIAN vote in Italian general elections. I am sorry I can’t vote, by ideological divide, the only one candidate I love: Ms Daniela Santanché. But she’s a black fascist. Being socialist, I am absolutely free to chose best offer (but, in 2006 and 2008, not best candidate: under a semi-fascist Berlusconi’s electoral law) in the moderate right-to- extreme left spectrum. But in my choice set borders, I-we have two twin 20th century taboos written with the blood of Martyrs on my-our subconscious: can’t vote either black or red fascists – the latters marketing their political services under “Communist” labels, or other subtle “cache” sub-labels and trademarks.

Hope the vote will send the correct Tsunami signals and incentives: OFF the Italian political class. Tutti a casa. There was one “last of mohicans” decent MP or Senator, Marco Boato: he was not candidated.

The Microsoft-Google armageddon: or is it desperate webwives?

la resa dei conti: a spaghetti-western, music by morricone

The google-microsoft armageddon animated by yahoo latest agitation, just before death

The news (sing the classic: Yahoo killed the media stars …)

Internet, media stars line up for Yahoo – Yahoo News from AP. April 10, 11:05 AM ET

SAN FRANCISCO – Yahoo Inc.‘s last-ditch efforts to avoid a takeover by Microsoft Corp. appear to be setting the stage for a dramatic finale featuring a rich cast of Internet and media stars.
Yahoo CEO Jerry Yang (Las Vegas, Jan. 7)

Yahoo CEO Jerry Yang poses for a photo in front of the Yahoo booth at the Consumer Electronics Show in Las Vegas in this Jan. 7, 2008 file photo.  Internet icon Yahoo Inc., under pressure of a three-week deadline from Microsoft to accept its $41 billion buyout bid, on Monday, April 7, 2008 said it doesn't oppose a deal with the world's largest software maker but wants a better offer. (AP Photo/Paul Sakuma, file)

1) Yahoo and AdSense: a NonSense.

Yahooannounced today that it will begin a limited trial using Google’s AdSense for Search program in its search queries. The deal will apply only to traffic from Yahoo.com in the US. The test is expected to last for up to two weeks and will be limited to no more than 3% of Yahoo’s search traffic. Even so, just before being absorbed, they admit being so weak in their core business and strategic technology (!!! ??? !!!). What for? to undersell to Microsoft? They must be just crazy.

2) Yahoo and AOL:

They are close to an agreement to combine their Internet operations, according to the WSJ. Time Warner, the parent of AOL, would reportedly inject the unit and an unspecified amount of cash in exchange for a 20% stake in the combined entity. The agreement would value AOL at $10bn, but would not include the group’s declining dial-up business. Yahoo would then buy back several billion $ worth of stock, at a price between $30 and $40 per share, now traded at $28.50.

The comments

Last battles this week, the Yahoo saga of the multi-saga Armageddon is very close to an end:

– after a battered, defeated, masochist, even incapable of introducing a new version of its stupid and useless OS (producing all their anti-Schumpeterian rents: that is, monopoly rents derived from their anti-innovation and obscurantist policies), a strategically retiring Microsoft’s hyper-desperate move (its $44.6bn Yahoo bid),

– now it’s Yahoo’s turn being so desperate, really crazy and crying (grasping A0L, Google, and whatever else is at hand, in order not to fall into Bill Gates and Steve Ballman’s voracious mouths). The telenovela IS N0W: DESPERATE WEB2 HOUSEWIVES. Just Google, at the moment, keeps nerves under control: but not forever. Since, as Yahoo’s desperation is up, & their escape solutions down, Google will go crazy too, at the idea of one battle won by Ballman.

This and much more from breakingviews.com news:

a) jeff segal: Steve, throw in a few dollars or make the bid all-cash, and this deal is yours. b) robert cyran: scorched internet. If this is all Yahoo’s got, it’s not much … and TV today: Apr.10, Google & News Corp. B.views justintime! This is a Guinness: Google-Microsoft armageddon on Yahoo battlefield in just 53″ !!!

Basics: No Competition authority might ever approve a 90% ad-market share in Google’s hands

More from them, in our static page: weekly breakingviews. These weekly videos are accessible and updated also here, as well from their original site breakingviews.com, and from iTunes.

o8\o4\11 The Weekly View, Apr. 11

1) Ed Hadas; good and bad news from housing markets; as for the latter, there will be another -15% in house prices 2) Alan Greenspan’s self defense? No, thanks! He, alone, was 30% responsible of this disaster. According to IMF guys, who aìhave adopted Roudini’s estimate this week, this makes a public damage of $300 bn (NOTE. The last free market ideologue is definitely rejected out of history: à la poubelle, à la poubelle. But he must pay the bill, before going out)